2000 km per raggiungere i Mondiali: tre amici girano l'Europa in trattore

Commenti()
Da Lucerna a Kaliningrad per assistere alla gara della Svizzera, impegnata contro la Serbia. In Russia col trattore anche un tedesco.

2000 km per raggiungere Kaliningrad. Tanti, è vero. Ma niente di strano se si vuole assistere alle sfide della propria Nazionale al Mondiale. La particolarità sta nel come lo svizzero Beat Studer, insieme agli amici Werner Zimmermann e Josef Wyer hanno raggiunto la città russa: in trattore.

Un nuovo modo di vedere la Serie A: scopri l'offerta!

Dodici giorni di trattore da Lucerna, città dei tre svizzeri, per arrivare a Kaliningrado, dove la Nazionale di Petkovic affronterà la Serbia nell'ultima gara del 22 giugno: Studer, proprietario di un museo del trattore, hanno avuto la pazza idea dopo che la loro rappresentativa si è qualificata per i Mondiali.

I tre amici hanno comunque deciso di intraprendere il particolare viaggio solamente a scopo benefico: Studer e soci hanno infatti raccolto circa 17.000 euro fin qui, da donare al loro ritorno ad associazioni svizzere per l'infanzia.

L'articolo prosegue qui sotto

"Abbiamo visto molti paesaggi diversi, diversi tipi di persone" ha evidenziato Studer riguardo il viaggio per arrivare a Kaliningrad. "Nessuno ci ha fischiato perché viaggiavamo con il trattore, non abbiamo avuto problemi ad arrivare in Russia in questo modo".

Wyer ha guidato il furgoncino di supporto e ha gestito la logistica mentre Studer e Zimmermann si sono alternati al volante del trattore per sei ore al giorno. Tra l'altro i tre non sono gli unici ad essere arrivati in Russia in trattore: anche il tifoso della germania, Hubert Wirth, ha raggiunto Mosca con tale mezzo.

 

Prossimo articolo:
Calciomercato Atletico Madrid, Gelson Martins via: andrà al Monaco
Prossimo articolo:
FIFA 19, i migliori giovani per la modalità carriera
Prossimo articolo:
Juventus, quanto guadagna Cristiano Ronaldo? Quanto vale il suo patrimonio?
Prossimo articolo:
Leonardo confessa: "Piatek ha chiesto il 9, ma va conquistato. Gli abbiamo dato il 19"
Prossimo articolo:
Piatek si presenta: "Ho sempre creduto in me stesso, è un sogno. Tifavo Milan"
Chiudi