Juventus, Allegri non è preoccupato: "Per Higuain ci vuole solo pazienza"

CondividiChiudi Commenti
Dopo la vittoria contro la Fiorentina, Allegri ha parlato così: "Oggi ci hanno fatto sudare, ma la vittoria conta parecchio. Vogliamo migliorare".

La Juventus infila la quinta vittoria consecutiva, portandosi in testa al campionato di Serie A insieme al Napoli. La squadra di Allegri questa volta ha dovuto sudare più del dovuto contro una Fiorentina ben messa in campo, ma alla fine il goal di Mario Mandzukic è valso tre punti.

Al termine della partita, a microfoni di 'Premium Sport', Allegri ha detto: "Oggi ci hanno fatto sudare ma alla fine è solo la vittoria a contare. Lavoriamo per migliorare ancora visto che vogliamo il 7° Scudetto di fila. Non so ad oggi se questa squadra sia migliore rispetto a quella dell'anno scorso. E' diversa, non bisogna fare paragoni".

"Se sono preoccupato della mancanza di goal da parte di Gonzalo Higuain? No, ci vuole pazienza e basta. Il capocannoniere non vince il campionato, ma lo fa la squadra. Oggi lui è stato bravo nel goal di Mandzukic. E' inutile piangersi addosso, i goal arriveranno".

Poi l'allenatore della Juventus si è spostato a 'Sky Sport', dove ha evidenziato qualcosa di diverso: "Oggi ho dovuto fare cinque cambi rispetto alla scorsa partita, ma anche l'anno scorso ho fatto spesso turnover. Dovevo fare qualcosa per forza visto che tra 72 ore abbiamo il derby contro il Torino, ed i giocatori già hanno tante partite nelle gambe, visto anche gli impegni con le nazionali".

Allegri evidenzia poi la prestazione di un infinito Barzagli: "Oggi il professore ha fatto un'altra grande partita, stasera è stato molto bravo, ma come sempre. Lui a volte si fa sentire anche solo parlando, con una frase detta ad un compagno. Nel calcio non bisogna solo correre ma anche parlare e riflettere".

Tornando ad Higuain, Allegri commenta un possibile stato di tristezza in relazione alla mancata convocazione con l'Argentina: "Non credo sia questo il problema, anche perché a lui fa bene restare ad allenarsi con noi, per cercare di contraddire le scelte di Sampaoli. Anche l'anno scorso non ha segnato per 3-4 partite ma non deve scoraggiarsi, sono cose che capitano ad un attaccante".

Infine bastone e carota per Bentancur: "Per lui non era facile, ha fatto una buona partita. E' bravo a verticalizzare ma ancora deve velocizzare l'azione, nel primo tempo c'erano molti passaggi mancati per Higuain. Comunque può crescere ancora, ha tanti margini".

Prossimo articolo:
Napoli, De Laurentiis non 'cede': "Non mi fido dei complimenti di Guardiola"
Prossimo articolo:
C'è la Roma, Conte annuncia: "Morata è recuperato, può giocare"
Prossimo articolo:
Lazio, la rivincita di Immobile: "Al Siviglia mai avute chances"
Prossimo articolo:
Playoff Mondiali 2018: squadre, sorteggio e date degli spareggi
Prossimo articolo:
Playoff Mondiali 2018: guida alla Svezia, avversaria dell'Italia
Chiudi