Diritti TV assegnati: Serie A 2018-2021 a Sky e Perform

CondividiChiudi Commenti
Sky e Perform si sono aggiudicati i diritti per il triennio 2018-2021: offerta totale di 973 milioni. 90° Minuto salvo. Mediaset spera in un accordo.

La partita sull'assegnazione dei diritti tv della Serie A per il prossimo triennio si è chiusa: ad aggiudicarseli sono stati Sky e Perform, che dunque trasmetteranno le partite del massimo campionato italiano da agosto 2018 al 2021. Mediaset, invece, è fuori dai giochi.

Un nuovo modo di vedere la Serie A: scopri l'offerta!

"La Lega Nazionale Professionisti Serie A - si legge nel comunicato ufficiale emesso dopo l'assegnazione - comunica che l’assemblea odierna ha approvato all’unanimità l’assegnazione dei diritti per la trasmissione delle dirette di campionato a pagamento per le stagioni sportive 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021. Sono stati assegnati:

- a SKY Italia il PACCHETTO 5 avente ad oggetto i diritti audiovisivi di 3 partite a giornata tra cui quella della domenica sera:

- a Sky Italia il PACCHETTO 6 avente ad oggetto i diritti audiovisivi di 4 partite a giornata tra cui quella del lunedì sera:

- a Perform il PACCHETTO 7 avente ad oggetto i diritti audiovisivi di 3 partite a giornata tra cui quella del sabato sera".

"Sky e Perform si sono aggiudicati i diritti, siamo molto soddisfatti - aveva preannunciato Enrico Preziosi, presidente del Genoa, all'uscita dalla Lega - Mediaset, invece, non ha presentato offerte. La giornata è stata difficile, tirata. Ma tutto si è concluso per il meglio".

Le offerte, secondo Preziosi, "sono state superiori a quelle che ci aspettavamo". In particolare, come comunicato dal presidente di Lega Gaetano Micciché in conferenza stampa, Sky e Perform hanno offerto 973 milioni di euro complessivi. Il ricavo totale, contando anche la cessione dei diritti all'estero, è di un miliardo e 400mila euro, più una parte variabile di circa 100 milioni in funzione di ricavi e abbonati dei due operatori.

"Perform è un soggetto internazionale che per la prima volta si affaccia sulla Serie A con un'offerta molto significativa, mentre Sky si è aggiudicata la parte principale delle partite - le parole di Micciché - L'offerta è superiore ai 973 milioni, circa il 20% in più rispetto all'ultima, arrivata a gennaio".

Micciché, inoltre, ha dato una grande notizia agli appassionati: la RAI continuerà a trasmettere 90° Minuto, inizialmente in odore di taglio a causa dell'embargo della trasmissione dei goal in chiaro fino alle 22: "Abbiamo ottenuto una maggiore elasticità da parte dei soggetti aggiudicatari".

Anche per quanto riguarda la questione del possibile doppio abbonamento, Micciché ha dato rassicurazioni su un accordo di ritrasmissione tra Sky e Mediaset: "Pensiamo ci siano già trattative in corso, speriamo di poterlo evitare".

Non ancora fuori dai giochi Mediaset, che ha inviato ai propri abbonati un comunicato: "Mediaset Premium non è tra gli aggiudicatari, ma ha richiesto agli altri operatori la possibilità di definire un accordo di ritrasmissione sul digitale terrestre per i propri clienti. Mediaset Premium si adopererà per una conclusione positiva della trattativa".

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Francia, Griezmann in conferenza con la bandiera... dell'Uruguay
Prossimo articolo:
Mbappé eguaglia Pelè: "Lui ha fatto la storia, io sono all'inizio"
Prossimo articolo:
Griezmann e il goal alla Croazia: "Ho pensato al cucchiaio"
Prossimo articolo:
Francia, Rami annuncia il ritiro: "Lascio la Nazionale"
Chiudi