Calciomercato Juventus, parla Marotta: "Donnarumma? C'è il dovere di provarci"

CondividiChiudi Commenti
Marotta: "Donnarumma? Abbiamo il dovere di provarci". Poi su Douglas Costa ed Alex Sandro: "Il brasiliano ci piace, per il secondo 60M dal Chelsea".

La rottura tra il Milan e Gigio Donnarumma ha fatto drizzare le orecchie a molti club, tra i quali non può mancare la Juventus . Ad ammettere che i bianconeri tenteranno di capire se ci sono le condizioni per acquistare il classe 1999 è l'amministratore delegato bianconero Beppe Marotta, intervenuto ai microfoni del Corriere della Sera.

Non c'è però la Vecchia Signora dietro il rifiuto di rinnovare il contratto in scadenza nel giugno del 2018: " E' chiaro che la Juventus è una società che ha il dovere ed il diritto di poter prendere in considerazione tutte le opportunità di mercato. Quando c'è un giocatore sul mercato è nostro dovere provarci. Non ci siamo noi comunque dietro le scelte del ragazzo. Si tratta sicuramente di un talento, anche se poi c'è da fare la distinzione tra talento e campione ".

Il caso Donnarumma comunque per il dirigente piemontese deve essere lo spunto per una particolare riflessione. " Di sicuro comunque c'è qualcosa da cambiare, siamo di fronte ad un'evoluzione della figura del giovane calciatore. Oggi che hanno subito dei professionisti vicino che pensano alla costruzione della loro carriera vanno spesso in contrasto con le società che li hanno cresciuti ".

Poi il discorso si sposta sulla Juventus e sugli obiettivi per il futuro: " Il nostro obiettivo è quello di essere ancora protagonisti cercando di trovare il giusto mix tra lato economico, finanziario e sportivo. Di sicuro avendo ricavato di più possiamo spendere di più. Colpi alla Higuain? Si è trattato di una spesa straordinaria, ora vogliamo restare nell'ordinario. Verratti? E' un profilo che non ci interessa per caratteristiche tattiche e tipo di investimento ".

Tra gli obiettivi ci sono effettivamente Douglas Costa e Schick , praticamente preso: " Per Schick non c'è ancora nulla di ufficiale, ma è un profilo che corrisponde a quello che cerchiamo. Iniesta è irraggiungibile come tipo di investimento, ci deve sempre essere il rispetto di determinati parametri. Douglas Costa? Abbiamo contattato i suoi procuratori, ma per prenderlo i tedeschi devono essere disposti a chiedere un prezzo congruo . Keita? Conosco le regole e non mi sarei mai avvicinato ad un tesserato altrui, ho letto alcune parole che non credo siano di Lotito ".

Capitolo possibili cessioni, con il Chelsea in pressing su Alex Sandro .  " Ci hanno fatto un'offerta importante per Alex Sandro di 60 milioni, è stato il Chelsea, ma abbiamo detto di no. C'è comunque da dire che esistendo delle realtà che hanno potere economico maggiore rispetto a noi potremmo, anche non volendo, perdere qualche giocatore. Bonucci o Cuadrado? Non ne ho sentore. Marchisio e Mandzukic restano al 100%. Neto? Non abbiamo ricevuto al momento alcuna offerta ".

Prossimo articolo:
Premier League, risultati e classifica 12ª giornata - Arsenal batte Tottenham, derby Gunners
Prossimo articolo:
Arsenal-Tottenham 2-0: Mustafi e Sanchez, derby ai Gunners
Prossimo articolo:
Tutti i convocati del 13° turno di Serie A
Prossimo articolo:
Napoli, Insigne punta il Milan per smaltire la delusione
Prossimo articolo:
Inter, Spalletti non ammette errori: "Non possiamo regalare turni"
Chiudi