Juventus, tre segnali dall'Europa: Dybala, Dani Alves e l'ambizione di poter vincere

Commenti()
Getty Images
Buone notizie per Allegri dopo la qualificazione ai quarti di finale: Dybala in palla, Dani Alves in crescita. E l'ambizione di poter vincere la CL.

La Juventus supera il Porto profondendo il minimo sforzo, ottenendo un posto ai quarti di Champions League. Urna benevola per Madama, la quale ha centrato la missione senza soffrire né in Portogallo né tra le mura amiche.

Extra Time - Amra, la musa di Dzeko

Questione di rosa, nettamente più forte quella bianconera rispetto a quella dei Dragoni, impossibile non menzionare la doppia ingenuità che ha costruito l'intero quadro. Telles e Maxi Pereira, facendosi cacciare, tra andata e ritorno hanno rovinato i piani di Nuno Espirito Santo. Difficile pensare di superare Madama, utopia pura farlo da masochisti.

Musica per le orecchie di Massimiliano Allegri, il quale ha sempre palesato un certo feeling con l'Europa che conta fin dai tempi del Milan, allenatore sempre più europeo e preposto a fare il salto di qualità in concomitanza con la crescita della sua squadra. Le note positive sono molteplici, quadro roseo per una compagine proiettata a fare la voce grossa in tre competizioni, posizione di prestigio su tutta la linea.

Paulo Dybala, dopo aver regalato un grosso dispiacere a Gigio Donnarumma in occasione dell'ultimo turno di campionato, trasforma un altro rigore regalando – questa volta – un brutto momento a Iker Casillas. La Joya, anche dal punto di vista atletico, appare in netta crescita; ottima notizia per una truppa che non può fare a meno delle giocate del suo numero 21.

La personalità c'è, la voglia di trascinare i propri compagni ai massimi livelli anche, il tutto giganteggiando in un 4-2-3-1 ormai diventato il sistema di gioco base. Ancora qualche meccanismo da affinare con Gonzalo Higuain, ma l'evoluzione si sta rivelando totale e, soprattutto fuori dai confini nostrani, ciò vuol dire molto.

L'articolo prosegue qui sotto

Dani Alves, dopo i problemi di inizio stagione – con tanto di brutto infortunio rimediato a Genova – sembra essersi definitivamente ambientato. Nulla di trascendentale, intendiamoci, ma i brutti voti in pagella dei mesi scorsi non esistono più. D'altro canto, senza tergiversare, in corso Galileo Ferraris si sono assicurati il brasiliano pensando principalmente alla Champions League. L'ex laterale del Barcellona, infatti, ha vinto per ben tre volte questa manifestazione. Scusate se è poco.

La Juventus è entrata nel G8 d'Europa, e ora vuole pensare in grande. Venerdì, direttamente dall'urna di Nyon, Madama scoprirà il suo destino. Rispetto per tutti, paura di nessuno; magari auspicando di trovare il Leicester. Ma non ditelo a Gigi Buffon.

Il percorso dei penta-campioni, impreziosito dal triangolo Madrid-Berlino-Monaco di Baviera, legittima le ambizioni ardite. L'obiettivo è chiaro, ovvero conquistare un trofeo che manca dal 1996. E per farlo, oltre una rosa folta e di qualità, occorre anche un pizzico di fortuna. Auguri.

Chiudi