Inter, Gabigol scrive a Paquetá: "Arrivo fratello"

Commenti()
Getty Images
Gabigol in procinto di tornare all'Inter dopo il prestito al Santos: messaggio a Lucas Paquetá, volto nuovo del Milan.

18 goal con il Santos che gli hanno consentito di vincere il titolo di capocannoniere ed entrare nella Top 11 del Brasileirao: la seconda vita bianconera di Gabigol è andata alla grande, peccato che sia già finita. Per ora.

Con DAZN vedi oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

L'attaccante brasiliano tornerà infatti all'Inter dopo il prestito: resta da capire quante chances gli concederà Spalletti e se rientrerà o meno nel progetto nerazzurro. Il suo intento sarebbe quello di restare per giocarsi le proprie carte, come fatto capire con il commento sotto ad un post Instagram di Lucas Paquetá: "Che bel ragazzo! Mamma mia! Arrivo Fratello".

Paquetá ha visitato recentemente Milano e almeno lui è certo di poterci vivere nei prossimi mesi, essendo uno degli investimenti più onerosi del Milan che ha pagato 35 milioni per averlo dal Flamengo.

Proprio quel Flamengo che su Gabigol vorrebbe tanto puntare: secondo 'La Gazzetta dello Sport', le intenzioni dell'Inter sarebbero quello di cederlo a titolo definitivo per almeno 20 milioni o comunque in prestito ma in Europa, e non un'altra volta in Sudamerica.

Il quotidiano milanese parla anche della carta Lincoln per i rossoneri, citando 'O Globo': il talento 18enne stuzzica la fantasia della dirigenza interista che però non può tesserarlo a gennaio non avendo più slot a disposizione per gli extracomunitari. Un discorso che potrebbe riaprirsi nei mesi estivi.

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Calciomercato Juventus, Benatia ha un'offerta dall'Al Duhail: considerazioni in corso
Prossimo articolo:
Calciomercato Inter, Cedric Soares è il vero obiettivo per la difesa
Prossimo articolo:
Siviglia-Barcellona 2-0: Senza Messi è un altro Barca
Prossimo articolo:
Razzismo, pugno duro della Football Association contro Wayne Hennessey per un saluto nazista
Chiudi