Notizie Risultati Live
Serie A

De Rossi non ha dubbi: “Questa Roma è forte, possiamo vincere”

11:34 CEST 15/09/18
De Rossi Torino Roma
Daniele De Rossi difende i nuovi arrivati: "Si stanno integrando bene. Olsen insicuro? Io non vedo carenze, sta facendo il suo".

L'ultima sconfitta contro il Milan ha sottolineato un avvio di campionato poco brillante per la Roma, ma il capitano Daniele De Rossi ha voluto tranquillizzare i propri tifosi sottolineando il valore dei nuovi acquisti e della rosa complessiva.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Intervistato da 'Il Romanista', il centrocampista della Lupa rinnova il proprio amore per questo club: "Lo sai che vuol dire essere una bandiera della Roma? Significa una responsabilità enorme che ti porti sempre addosso. Significa che non hai scelta. Che quando in passato ho avuto offerte o quando stavamo sull'orlo del fallimento o quando le cose non andavano, quando ti chiama semplicemente qualcuno non sei tu che rispondi, perché io sono della Roma nel senso di proprietà della Roma, "dei" tifosi della Roma. Io Daniele De Rossi sono di proprietà dei tifosi della Roma".

Molti volti nuovi sono arrivati e qualche cessione illustre ha fatto storcere il naso: "Sono tanti, ma si integrano bene. Questo è un gruppo sano, aiuta i giocatori nuovi, li abbraccia e li accoglie in maniera spontanea e positiva. Fosse per me terrei sempre tutti i compagni di squadra, anche perché mi affeziono e quando un compagno va via mi dispiace. Poi ci sono idee del mister, del presidente, del direttore e bisogna mettere tutto insieme. Io queste cose non le posso sapere, forse neanche le devo sapere. Ma so che il gruppo c'è, che questi arrivati sono forti, che la squadra è forte. Possiamo vincere". 

Qualche critica di troppo è già arrivata sul portiere Olsen: "Io vedo un portiere che sta facendo il suo, non vedo una carenza in porta. La foto dell'abbraccio è una foto normale, è la foto della prima di campionato, non è legata a doverlo difendere. Olsen mi sembra Strootman che quando è arrivato ci teneva a parlare italiano perché ci teneva a parlare con noi".