Notizie Risultati Live
Serie A

Buffon omaggia De Rossi: all'Olimpico con la maglia numero 16 dell'Italia

14:42 CEST 28/05/19
Daniele De Rossi Roma Parma
Il portiere del PSG è stato immortalato con la maglia di De Rossi: anche lui ha voluto presenziare all'addio romanista dell'amico.

Da Reims, città che ha ospitato l'ultima gara stagionale del PSG, a Parigi, dove gioca attualmente, fino a Roma, dove ha assistito all'ultima gara in maglia giallorossa dell'amico Daniele De Rossi. Neanche Gigi Buffon è voluto mancare al saluto dell'ormai ex capitano al suo Olimpico, ai suoi amici.

Con DAZN segui in esclusiva streaming live la Copa America

Buffon è stato infatti immortalato nella tribuna dell'Olimpico omaggiando a suo modo De Rossi: il portiere del PSG ha mostrato la maglia numero 16 di De Rossi, indossata durante l'ultimo Mondiale giocato dagli azzurri nel 2014. L'ultimo grande torneo in cui l'ex Juventus e l'ex Roma hanno condiviso lo spogliatoio.

Campioni del Mondo nel 2006 in quel di Berlino, De Rossi e Buffon si sono ritrovati a distanza di qualche metro, uno in campo, l'altro in tribuna. All'Olimpico era tra l'altro presente anche un altro degli eroi di tredici anni fa, ovvero Marco Materazzi.

De Rossi e Buffon sono accumunati dal fatto di conoscere il proprio futuro nell'imminente calciomercato estivo. Il centrocampista potrebbe ritirarsi o continuare in un altro club, mentre il portiere non è certo di continuare a Parigi, ma non sembra deciso ad appendere i guantoni al chiodo.

Nelle ultime ore ha voluto commentare il viaggio di Buffon a Roma per salutare De Rossi anche Malag, numero uno dello sport italiano:

"Ho molto apprezzato il fatto che sia venuto a vedere la partita dal vivo, De Rossi era il più giovane della spedizione azzurra del 2006. Questa generazione di atleti ha reso grande l'Italia".

Tra De Rossi e Buffon c'è sempre stato un rapporto particolare, sin dai primi anni con la maglia dell'Italia. In passato il portiere ha cercato di convincere il centrocampista a sposare la causa della Juventus senza riuscirci, complimentandosi per il suo amore alla Roma. Eterno.