Siena-Inter 0-1: Prima la PAURA, poi il solito PRINCIPE... INTER CAMPIONE D'ITALIA!

98004
L’inter si sbarazza di una trasferta insidiosissima e batte il Siena per 1-0. Dopo aver anche rischiato nel primo tempo, i nerazzurri passano al 57’ con Milito e portano a casa il diciottesimo. Quello più difficile e più discusso. Ma per forza di cose il più bello.

In campo – La novità più importante si chiama Mario Balotelli. Nel momento più delicato Mou lo preferisce a Pandev. Nessun rischio, invece, per Lucio, che si accomoda in panchina. In mezzo la diga composta da Motta e Cambiasso. Malesani cambia idea tante volte, alla fine mette Ghezzal ed esclude due papabili come Calaiò e Reginaldo.

Si gioca – L’Inter parte in controllo, ma, come spesso avviene in questi casi, rischia subito l’imbarcata. La difesa si perde Ekdal in mezzo all’area, ma il centrocampista di scuola Juve fallisce clamorosamente l’1-0. Balotelli si mette in proprio: al 13’ calcia al volo di piatto, la palla sibila il palo. Poco dopo è Milito ad accarezzare la sfera sull’uscita di Curci, la mira non va. L’Inter è in dominio territoriale, ma i toscani sono lesti in ripartenza. I calci piazzati diventano un’ottima alternativa al gioco per provare a sfondare: dopo un colpo di testa ravvicinato di Milito spazzato da Curci, il portiere è bravo a non crollare sulla capocciata di Motta. Anche Samuel va in elevazione, senza fortuna. Maccarone e Jajalo riportano gli spettri sulla panchina di Mou: il primo fa partire un missile terra-aria che Julio Cesar esorcizza, il secondo si vede deviare in angolo un piazzato a botta sicura. In mezzo, l’occasione più ghiotta capita a Balotelli, migliore in campo fra i suoi: rovesciata perfetta in mezzo all’area, traversa piena! Nel finale del primo tempo le nubi si addensano sul Franchi: l’Inter non sfonda, la Roma sì.

Qualcuno però si dimentica di Milito. L’argentino, rimasto un po’ in ombra, decide di diventare l’uomo dello scudetto. Così mette paura a Curci con una botta micidiale, che l’ex giallorosso devia in angolo con un colpo di reni entusiasmante. Ma poco dopo Zanetti avvia un‘azione di forza sulla sinistra, Milito porta avanti il pallone e spedisce con la punta in fondo al sacco: 1-0 liberatorio, che fa esplodere il Franchi nerazzurro. E’ il 57’, c’è ancora tanto da faticare. Ma la perdita di Maccarone è troppo anche per questo Siena, che si blocca un po’. Così l’Inter può fare la gara e andare a ripetizione vicino al raddoppio: Curci ha un conto aperto col Principe e gli soffoca in gola l’urlo del 2-0. Stankovic, poco prima, scheggiava la traversa con un bolide di destro. Ma l’Inter non si smentisce mai e il finale è una gara a scacchi: Rosi va vicino al goal per due volte, nel secondo con lo zampino di Julio Cesar, che si fa sfuggire un pallone in piena area e rischia la paperissima. Ma la bandiera a scacchi è vicina, troppo. Moratti finalmente sorride. Segno che lo scudetto è in tasca.

La chiave – Il goal del Principe spacca in due la partita. Un’iniziativa pressoché personale dell’argentino, capace di attirare su di sé la difesa come una calamita, salvo colpirla con un colpo da biliardo. Prima, nonostante il buon gioco della Mou-band, il vantaggio non arriva. Il Siena è bravo in ripartenza e crea non pochi fastidi. Una squadra quadrata, però, è quella che sa soffrire.

La chicca – Balotelli colleziona una partita da big. Proteste a zero, tanta corsa e numeri da fenomeno. Come la rovesciata che al 38’ del primo tempo zittisce lo stadio. Coordinazione perfetta, scelta di tempo magistrale, traversa piena. E’ solo uno dei bei gesti di Mario in questo pomeriggio da ricordare anche per lui.

Top&Flop – Zanetti è un guerriero anche oggi. Motta e Cambiasso danno ordine al centrocampo, solo Sneijdere appare un po’ svagato. Bene i giocatori chiave del Siena: Maccarone non dà punti di riferimento, come Jajalo. Rosi sente la partita e sfodera una prestazione all’altezza.

Paolo Mandarà

IL TABELLINO

SIENA-INTER 0-1

MARCATORI: 57’ Milito (I)

SIENA (4-1-4-1): Curci 7.5; Rosi 7, Terzi 6, Cribari 6 (46’ Brandao 6), Del Grosso 5.5;  Codrea 6 (81’ Reginaldo);  Ghezzal 5.5, Vergassola 6, Ekdal 6.5, Jajalo 7; Maccarone 7 (54’ Calaiò 5). A disp: Ivanov, Malagò, Tziolis, Jarolim. All: Alberto Malesani 6.5

INTER (4-2-3-1): Julio Cesar 6.5; Maicon 6.5, Materazzi 6, Samuel 6.5, Zanetti 7; Thiago Motta 6 (54’ Pandev 6), Cambiasso 6.5; Balotelli 7.5 (59’ Stankovic 6.5), Sneijder 5.5 (73’ Chivu 6), Eto'o 6.5; Milito 7. A disp: Toldo, Lucio, Muntari, Mariga. All: José Mourinho 8

ARBITRO: Morganti 6.5

AMMONITI: Cribari, Del Grosso, Brandao, Codrea (S), Chivu, Toldo (I)