Inter, metamorfosi Borja Valero: da titolarissimo a esubero

Commenti()
Getty Images
Nel momento negativo dell'Inter non sembra esserci spazio per Borja Valero, un anno fa fiore all'occhiello del mercato ed ora ai margini del progetto.

Un anno fa di questi tempi le cose sembravano andare nel verso giusto in casa Inter: nerazzurri al primo posto in classifica dopo due giornate in virtù dei convincenti successi con Fiorentina e Roma, tutt'altro passo rispetto ai risultati ottenuti in questo inizio di stagione.

Con DAZN vedi oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Appena un punto conquistato dopo i primi 180 minuti, quello contro il Torino che è stato capace di rimontare due reti nella ripresa. Troppo poco, considerate le ambizioni derivanti da un mercato ambizioso che è valso l'appellativo di 'anti-Juventus', finora per nulla rispettato.

Situazione da cui Luciano Spalletti sta cercando di uscire al più presto, in vista del prossimo scontro di Bologna che si preannuncia già delicatissimo: molto probabilmente non ci sarà nuovamente spazio per Borja Valero, ormai considerato quasi un esubero dal tecnico interista.

Un cambio di rotta netto dopo le 36 presenze totalizzate nell'ultimo campionato, condite da due reti contro Verona e Udinese: dodici mesi fa lo spagnolo era considerato quasi imprescindibile, il classico regista che mancava alla squadra, in grado di creare ordine con le sue giocate mai banali.

Spalletti arrivò persino a schierarlo con continuità nelle vesti di trequartista, ruolo dove ora con gli arrivi di Nainggolan, Keita e Lautaro Martinez non sembra esserci più spazio.

Arrivato per 5.5 milioni dalla Fiorentina per espressa richiesta dell'allenatore di Certaldo che provò a prenderlo anche precedentemente alla Roma, Borja Valero ha subìto però un declassamento nelle gerarchie spallettiane, con un minutaggio sempre minore: significativa la sua assenza nel match decisivo con la Lazio del 20 maggio scorso, un 'indizio' su quello che sarebbe stato il destino dell'ex viola.

Per lui solo qualche sprazzo durante le amichevoli estive, nemmeno un minuto invece in queste prime due partite ufficiali della stagione: e pensare che a centrocampo magari il suo apporto potrebbe servire eccome, viste le condizioni fisiche ancora non al meglio di Marcelo Brozovic.

Il croato è uno dei giocatori maggiormente in ritardo di condizione dopo i Mondiali disputati da protagonista con la Croazia e anche il suo partner di reparto, Matias Vecino, non sembra ancora al top della forma.

Spalletti però non sembra volerci sentire e di Borja Valero, finora, non c'è stata traccia. Chissà che nelle prossime gare non possa decidere di rispolverarlo in mediana per ridare smalto a una manovra divenuta lenta e prevedibile, bisognosa di quella tecnica che lo spagnolo, seppur in dosi ridotte rispetto al recente passato, è capace di offrire.

Chiudi