Notizie Livescore
Calciomercato

Calciomercato Roma, Fred è il primo desiderio di Fonseca per il centrocampo

15:54 CEST 14/06/19
Fred Manchester United 2018-19
Dopo la stagione a dir poco deludente con il Manchester United, Fred può lasciare la Premier in prestito oneroso con diritto di riscatto.

Dopo una lunga serie di nomi, alla fine è Paulo Fonseca ad ereditare la panchina della Roma da Ranieri. Il tecnico portoghese ha lasciato lo Shakhtar Donetsk dopo aver dominato in Ucraina e ben figurato in Europa ed ora lavora sul calciomercato per portare in giallorosso i giocatori adatti al suo 4-2-3-1. A cominciare da Fred.

Segui Copa America e Coppa d'Africa live e in esclusiva su DAZN

Fred, attualmente al Manchester United, è infatti secondo l'Ansa la prima richiesta del nuovo tecnico alla Roma, in virtù del passato allo Shakhtar. Dal 2016 al 2018, infatti, i due hanno condiviso i successi in terra ucraina, prima del traferimento del centrocampista in Premier per 60 milioni di euro.

Proprio grazie a Fonseca, Fred ha alzato l'asticella delle sue prestazioni con lo Shakhtar, attirando l'interesse di Mourinho e del Manchester United. Con i Red Devils ha però ampiamente deluso ed è in cima alla lista dei partenti in questa sessione di calciomercato estiva.

Il centrocampista brasiliano lascerebbe il Manchester United in prestito oneroso con diritto di riscatto, visto e considerando che una minusvalenza è già stata messa in conto dalla squadra inglese. Fred è oramai svalutato e la squadra di Solskjaer vuole solo andare avanti, puntando su nuovi centrocampisti.

Per Fred appena 14 presenze in Premier con il Manchester United, in cui non è riuscito a trovare la giusta posizione e soddisfazioni personali (eccezion fatta per l'unico goal segnato). A 26 anni vuole subito rimettersi in gioco, anche perchè da titolare del Brasile è finito nel dimenticatoio, fuori dalla lista dei convocati per la Copa America.

Il Manchester United è lontanissimo e la Roma, grazie a Fonseca, può essere una gustosa opzione per rilanciarsi a dovere. Rivedere il giocatore tecnico, abile nei calci piazzati, rapido nella giocata e forte nel contrasto ammirato con il Donetsk potrebbe essere la grande sorpesa della nuova era giallorossa.