Calciomercato Roma, chi è Seri: un Kanté con più assist e goal

Commenti()
Getty Images
Problemi con il freddo, un passato a casa Domoraud, grandi abilità nonostante la statura: conosciamo meglio Seri, obietivo della Roma.

A livello mondiale il Nizza, attualmente, fa rima con un solo giocatore: Mario Balotelli. La verità riguardo la squadra sorpresa della Ligue 1, però, è decisamente più articolata. Una squadra che tenta di imitare lo stile Barcellona, con stelle individate dai grandi club d'Europa. Da Plea a Cyprien, passando ovviamente per Jean Michael Seri.

Centrocampista, classe 1991, Seri a quasi ventisei anni è decisamente pronto al salto in una big, dopo qualche anno in squadre minori del campionato francese, dove appunto milita attualmente, e portoghese, dove ha giocato fino alla primavera 2015. Ma chi è Seri?


CARATTERISTICHE TECNICHE


1,68 di altezza per 65 kg, Seri non è certo un colosso, anzi. Eppure è un centrale di centrocampo che sa farsi rispettare, come N'Golo Kanté: l'altezza, del resto, è la stessa del giocatore del Chelsea, votato come miglior giocatore della Premier League nella stagione conclusa a maggio. Può agire come mediano, visto e considerando l'ottima forza fisica nonostante la bassa statura.

Ha una grande visione di gioco, basti pensare che alla mole di assist del 2016/2017: ha mandato in goal i compagni del Nizza in ben nove occasioni. In più sa e come inserirsi, decisamente meglio rispetto a Kanté: viene da sette goal stagionali. Dati che potrebbero rappresentare il suo lasciapassare per una big.

La curiosità? Seri è cresciuto nel Cyril Domoraud Centre, la scuola calcio creata dall'ex Inter e Milan, meteora del calcio italiano tra il 1999 e il 2001.

Seri Roma Serie A


ROMA IN POLE POSITION


Il Borussia Dortmund, il Marsiglia, il Beijing, l'Arsenal e svariate altre squadre d'Europa hanno chiesto informazioni su di lui. La squadra con più interesse per Seri sembra essere però la Roma, che ha offerto 25 milioni al Nizza ricevendo un secco no. Monchi, però, non molla.

La Roma ha infatti incontrare l'agente di Seri nella serata di sabato per discutere di persona il passaggio del giocatore in Serie A (sì, c'è il gioco di parole...). Ha esperienza internazionale maturata con la maglia della Costa d'Avorio, ha giocato in Europa League con Pacos Ferreira prima e Nizza poi.

Manca la Champions, alla quale la stessa Roma parteciperà nella prossima annata: in giallorosso, o in qualsiasi altro club che giocherà la grande competizione europea, può fare l'ennesimo salto di qualità.


FREDDO? NO GRAZIE


Russia, Ucraina, Est Europa e probabilmente Inghilterra non saranno le destinazioni di Seri, che ha bisogno di una città calda per poter giocare al meglio ed evitare di subire trattamenti obbligatori durante l'inverno. Il motivo? Le unghie dei piedi.

"Ho le unghie incarnite e quando fa freddo ho bisogno di un trattamento speciale" aveva evidenziato Seri a proposito di questo problema. "Non sono pronto a giocare dove fa freddo. Mi fa male ovunque e faccio fatica ad allenarmi".

A proposito di piedi, Seri aveva raccontato del suo passato in Costa d'Avorio: "La formazione dei calciatori in Africa è speciale. Fino ad un certo livello si gioca a piedi nudi, di conseguenza siamo più a contatto con la palla e acquisiamo una buona base tecnica. Mettiamo gli scarpini quando abbiamo raggiunto un certo livello".


IL MODELLO


Seri si ispira ad uno dei centrocampisti più forti degli anni 2000, ovvero Xavi. Bandiera e cervello del Barcellona, con il quale ha militato per più di un decennio prima di chiudere la carriera in Qatar, dove milita attualmente, è il grande modello del classe 1991.

"Xaxi ha fatto di tutto a Barcellona, provo a copiarlo" ha confessato Seri. "Sto lavorando sodo per raggiungere il maestro". Il giocatore ivoriano ha osservato con attenzione anche l'ex centrocampista argentino Gallardo, basti pensare che in patria è proprio quello il suo soprannome.


NELLA ROMA


 

💉💉

Un post condiviso da Michael Seri (@mika_seri6) in data:

Il Nizza 2016/2017 ha giocato con il 4-2-3-1, con il 3-5-2, ma sopratutto con il 4-3-3. Ovvero il modulo utilizzato da Eusebio Di Francesco al Sassuolo e che probabilmente esporterà anche alla Roma. DI base, dunque, Seri sarebbe perfetto per il nuovo tecnico giallorosso.

L'articolo prosegue qui sotto

La Roma ha chiesto informazion per due semplici motivi: primo, Nainggolan è il re del centrocampo, ma non è sicuro di rimanere al 100%, secondo, con tre competizioni da giocare e il pressante desiderio di vincere finalmente qualcosa, il reparto deve essere il più completo possibile.

Seri battaglierebbe con De Rossi, Strootman e Nainggolan, desideroso di giocare titolare o comunque di alternarsi con l'ottimo centrocampo a disposizione di Di Francesco.

Il Nizza lo farà partire solo davanti a cifre superiori i 30 milioni, ma di certo lui non ha fretta: "Mi sento bene qui, così come la mia famiglia. Non vedo il motivo per cui mi piacerebbe giocare altrove, il Nizza sta migliorando e gli aspetti positivi continuano ad aumentare". Eppure, si sa, le vie del calciomercato sono infinite.

Chiudi