Udinese, mossa a sorpresa: ufficiale Tudor al posto di Oddo

Commenti()
AA
Igor Tudor rimpiazza l'esonerato Massimo Oddo al timone dell'Udinese, il suo vice sarà Mark Iuliano: "Per me è una sfida, resteremo in A".

E' terminata con il comunicato ufficiale da parte del club l'avventura di Massimo Oddo sulla panchina dell'Udinese. La società ha successivamente individuato il sostituto dell'ex Pescara nel croato Igor Tudor, che ha sottoscritto un contratto di durata annuale (più le 4 restanti partite di questo campionato).

Spetterà quindi a lui guidare i friulani in queste ultime 4 giornate di campionato e raggiungere una matematica salvezza che è stata messa in bilico dalle undici sconfitte consecutive. Al momento i bianconeri si trovano al 15esimo posto della classifica con 33 punti, solamente 4 di vantaggio rispetto alla SPAL, che occupa il terz'ultimo posto.

Tudor, esonerato dal Galatasaray nel dicembre del 2017, era svincolato. Nel corso della sua carriera da allenatore ha guidato anche Hajduk Spalato e PAOK Salonicco. Il suo secondo sarà un ex compagno ai tempi della Juventus, ossia Mark Iuliano.

Tudor è stato poi presentato in conferenza stampa: "In queste giornate ci sarà da fare un lavoro complicato. Dobbiamo riprenderci subito per ripartire il prossimo anno con nuova energia. "Il ruolo dell'allenatore può fare la differenza, ma non è il momento di parlare. Dobbiamo rimboccarci le maniche e concentrarci sul Benevento".

"Sono in una grande società" ha continuato Tudor. "La rosa è interessante, i giovani buoni. E' una squadra con cui si può far bene. Ogni allenatore cerca di dare qualcosa di suo, spero di farlo già dalla prossima giornata".

Il suo approdo in Friuli ha spiazzato tutti: "E' successo in fretta, negli ultimi due giorni. Sono contento e chiamerò sicuramente Oddo per capire. I ragazzi stanno mentalmente male, loro ci soffrono. Ho parlato subito con il presidente perché pensavamo a un giorno di ritiro, invece gli ho detto di andare a casa. Non è buono modificare molto, bisogna lavorare sulla testa. La prendo come sfida, credo in me e nella rosa. Noi rimarremo in Serie A e poi faremo un bel campionato".

 

Ho colto l’opportunità di allenare un club storico come l’Udinese con l' entusiasmo di un bambino. L’abnegazione, la professionalità e il cuore sono stati il propulsore per me e il mio staff durante il periodo positivo che abbiamo vissuto e ancora di più in quest’ultima fase negativa. Abbiamo cercato in tutti i modi di uscire dalle difficoltà. Certamente qualcosa non e' andato per il verso giusto, sicuramente abbiamo commesso degli errori, ma sempre con un’attitudine propositiva. La spinta più grande ce l’avete data voi con il vostro supporto incondizionato, che non è mai mancato, nemmeno in questa ora più buia. Un popolo, quello friulano ed una tifoseria, quella dell'Udinese, che sin dal primo giorno mi hanno mostrato stima e grande affetto. Sono arrivato come ospite e me ne vado come amico. Grazie Udine. Io e il mio staff tecnico non dimenticheremo mai il Friuli. MANDI. #udinese #udine #friuli

Un post condiviso da Massimo Oddo (@maxoddo76) in data:

Tudor resterà anche l'anno venturo: "Era importante per me, venire solo per quattro partite non me la sentivo. Abbiamo parlato, ci siamo piaciuti e abbiamo deciso di fare questo progetto. Io ho apprezzato il club per la serietà. È una delle migliori in questo, ti lasciano lavorare... poi devi essere bravo per dimostrare il tuo valore".

"Modelli da seguire? Ho avuto i migliori allenatori quando ero in Italia, Lippi, Ancelotti e Capello. Difficile parlare di loro, da ognuno ho preso qualcosa - ha confidato - Poi devi essere te stesso, migliorarsi giorno dopo giorno".

"La guida tecnica della prima squadra è stata affidata al sig. Igor Tudor, che dirigerà nel pomeriggio di oggi il primo allenamento" l'annuncio del nuovo arrivo, pubblicato poco dopo quello dell'esonero. "Udinese Calcio ufficializza di aver sollevato mister Massimo Oddo e i suoi collaboratori dall’incarico di guida tecnica della prima squadra. A loro vanno i ringraziamenti della società".

Oddo, dal canto proprio, aveva anticipato la società con un messaggio sul proprio profilo 'Instagram': "Ho colto l’opportunità di allenare un club storico come l’Udinese con l' entusiasmo di un bambino. L’abnegazione, la professionalità e il cuore sono stati il propulsore per me e il mio staff durante il periodo positivo che abbiamo vissuto e ancora di più in quest’ultima fase negativa. Abbiamo cercato in tutti i modi di uscire dalle difficoltà. Certamente qualcosa non andato per il verso giusto, sicuramente abbiamo commesso degli errori, ma sempre con un’attitudine propositiva".

"La spinta più grande ce l’avete data voi con il vostro supporto incondizionato, che non è mai mancato, nemmeno in questa ora più buia. Un popolo, quello friulano ed una tifoseria, quella dell'Udinese, che sin dal primo giorno mi hanno mostrato stima e grande affetto. Sono arrivato come ospite e me ne vado come amico. Grazie Udine. Io e il mio staff tecnico non dimenticheremo mai il Friuli", ha concluso l'ex Pescara.

Prossimo articolo:
Scommesse Premier League: quote e pronostico di Arsenal-Chelsea
Prossimo articolo:
Calciomercato Milan, Piatek a un passo: al Genoa Halilovic e Bertolacci
Prossimo articolo:
Rassegna stampa: le prime pagine sportive
Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Calciomercato Roma, Schick richiesto dal Tottenham: no dei giallorossi
Chiudi