Sarri in Champions League: Chelsea qualificato matematicamente

Commenti()
Getty Images
Grazie al successo del Chelsea e ai pareggi di Arsenal e Manchester United, i Blues giocheranno la Champions: obiettivo centrato per Sarri.

Senza dover aspettare l'eventuale vittoria dell'Europa League, Maurizio Sarri ha condotto il Chelsea alla qualificazione in Champions attraverso il campionato. 5 maggio di festa, infatti, per i Blues, che possono staccare matematicamente il biglietto per il prossimo grande torneo europeo.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

La squadra londinese ha battuto il Watford per 3-0, aspettando buone nuove dal Manchester United e dall'Arsenal. Entrambe hanno clamorosamente, per diversi motivi, fallito il raggiungimento dei tre punti contro la già retrocessa Huddersfield e un Brighton che all'Emirates non aveva niente da chiedere al campionato. Due pareggi e Chelsea in volo.

Primo obiettivo stagionale raggiunto dunque per Sarri, che alla prima annata col Chelsea ha fatto meglio del previsto. Il tecnico italiano ha perso la finale di League Cup ai rigori contro il Manchester City, è in vantaggio per il raggiungimento della finale di Europa League dopo il pareggio nella semifinale d'andata contro l'Eintracht Francoforte, ed ha ottenuto un pass Champions nel campionato più duro.

Nelle ultime settimane Tottenham, Arsenal e Manchester United hanno smesso di correre, lasciando campo aperto ad un Chelsea che ha perso solamente una delle ultime cinque gare, riuscendo a superare anche gli Spurs, fino a qualche mese fa irraggiungibili.

71 i punti ottenuti dal Chelsea fin qui, ad un turno dal termine. Distanza siderale da Manchester City e Liverpool, ma quattro di distanza dall'Arsenal e cinque da quel Manchester United già sicuro di non poter giocare la prossima Champions League.

A contendersi l'ultimo posto Champions disponibile saranno dunque Tottenham e Arsenal. I Gunners potrebbero comunque arrivare quinti in Premier e avere comunque l'occasione di andare ai gironi del torneo, ma solo in caso di successo in finale di Europa League.

A quel punto la Premier League avrebbe ben cinque rappresentanti nella Champions League 2019/2020. Qualcosa di cui Sarri non deve preoccuparsi: lui c'è già.

 

Chiudi