Notizie Risultati Live
Serie A

Roma nel caos, De Rossi si difende: "E' fantascienza, non c'entro un cazzo"

08:30 CEST 31/05/19
Daniele De Rossi Roma Parma
De Rossi si difende dalle accuse di voler far fuori Totti. Ecco il virgolettato de 'Il Corriere dello Sport': "Inorridisco, è una cosa gravissima".

Il polverone sollevato alla Roma ha pochi eguali: l'inchiesta di 'Repubblica' che giovedì ha rivelato l'esistenza di un piano portato avanti dai senatori De Rossi, Manolas, Dzeko e Kolarov contro Monchi, Di Francesco e Totti ha creato tanto scalpore.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Notizia che ha fatto il giro del mondo in poco tempo: dito puntato contro il mercato sbagliato dal dirigente spagnolo, il gioco dispendioso e povero tatticamente del tecnico, e la figura dell'ex capitano, mal sopportata a Trigoria.

Proprio ora che il club giallorosso ha ufficializzato il mancato prolungamento con De Rossi, tirato pesantemente in ballo in una vicenda dai tratti oscuri e senza replica alcuna dei diretti interessati. O forse no.

'Il Corriere dello Sport' pubblica, infatti, un virgolettato attribuito proprio a 'Capitan Futuro' (si tratterebbe di parole confidate a un amico) che, stando così le cose, si difenderebbe dagli attacchi ricevuti respingendoli al mittente.

"Non c’è niente da fare, se non inorridire. Io dovrei rispondere, dovrei fare nomi e cognomi. Ma non serve, non sono il tipo. Ma de che stiamo a parlà, di cosa stiamo parlando? Di che povertà stiamo parlando… Io penso che il dubbio venga soltanto agli sprovveduti. Basti pensare al fatto che se io sono un pezzo di merda, uno che ce l’ha con Francesco, uno che ce l’ha con Baldini o Di Francesco, uno da allontanare, non mi offri il ruolo di vice-amministratore delegato. Non voglio aprire la querelle tra me e la Roma, non l’ho fatto quando si parlava solo di calcio, non lo faccio ora. Stiamo parlando di fantascienza, è una cosa gravissima e io non c‘entro un cazzo, la mail l’ho letta, non c’è un riferimento a me, a me contro Francesco o Di Francesco o Monchi, si parla solo di senatori che non gradiscono certi metodi di allenamento".

Il quotidiano romano annuncia anche che De Rossi adirà le vie legali per mettere una volta per tutte la parola fine a questa storia. E congedarsi dalla Roma nel migliore dei modi, allontanando ogni tipo di polemica.