News LIVE
Calciomercato

Mourinho al Tottenham, show in conferenza: "Io non ho mai perso una finale di Champions"

16:26 CET 21/11/19
Jose Mourinho Tottenham
Jose Mourinho si presenta a modo suo: "Chiamatemi signor Inter o signor Real. Sono un uomo di molti club". Poi la battuta sulla finale di Champions.

E' come sempre un Mourinho ironico e pungente quello che si presenta come nuovo allenatore del Tottenham. Il tecnico portoghese insomma è pronto a tornare in pista anche a livello mediatico.

Con DAZN segui 3 partite della Serie A TIM IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

E così quando gli si chiede se la finale persa contro il Liverpool abbia avuto un impatto negativo sul Tottenham, lo Special One risponde a modo suo.

"Non lo so perché non ho mai perso una finale di Champions League".

Poi il portoghese spiega perché abbia cambiato idea rispetto ai tempi del Chelsea, quando assicurava che non avrebbe mai allenato il Tottenham.

"Sì, l'ho detto. Ma era prima che venissi licenziato!".

Mourinho adesso crede fermamente nel Tottenham e non chiede neppure acquisti sul mercato di gennaio.

"Vincere la Premier League? Sì, certo. Quest'anno no, ma dall'anno prossimo possiamo vincerla. Il miglior regalo sono i giocatori che sono qui. Non ho bisogno di nuovi giocatori, devo solo conoscerli meglioHo detto ai giocatori che sono venuto qui a causa loro. Ho provato a comprarne alcuni per club diversi e per alcuni non ci ho nemmeno provato perché era troppo difficile".

Lo Special One conferma di essere un uomo 'di club', ma non molto fedele.

"Penso di essere il signor Porto e il signor Real Madrid, ma anche il signor Inter e il signor Chelsea e Manchester United. Sono il club in cui mi trovo. Indosso e dormo con il pigiama della mia società. Sono un uomo di club, ma non un uomo di molti club".

Infine non manca un pensiero per il suo predecessore Pochettino, al quale Mourinho dedica un saluto affettuoso.

"Devo congratularmi con lui per il lavoro che ha svolto. Questo club sarà sempre la sua casa, questo campo di allenamento sarà sempre il suo campo di allenamento. La porta sarà sempre aperta per lui. Ritroverà felicità, lavorerà in un grande club e avrà un grande futuro".