Notizie Risultati
Calciomercato

Calciomercato Napoli: Ancelotti 'libera' Sarri per il Chelsea

18:01 CEST 28/06/18
Maurizio Sarri Napoli
Non appena il Napoli depositerà il contratto di Ancelotti (dal 1 luglio in poi), Sarri potrà rescindere per 'giusta causa' e firmare col Chelsea.

La fine dell’intreccio è vicina. Da capire ancora se sarà un lieto fine che lascerà tutti contenti oppure se si concluderà con uno scontro che potrà lasciare aperte delle ferite e dunque eventuali ricorsi alle vie legali. Fatto sta che dal primo luglio, con l’inizio della nuova stagione sportiva, il Napoli potrà depositare il contratto di Carlo Ancelotti come nuovo allenatore e a quel punto saranno da considerate scadute, alcune clausole per così dire “pericolose” per lo stesso Sarri. Ma andiamo per ordine.

Un nuovo modo di vedere la Serie A: scopri l'offerta!

Dal momento in cui verrà depositato il contratto di Ancelotti, infatti Maurizio Sarri potrà rescindere il suo di contratto per 'giusta causa', facendo leva sul principio FIFA secondo il quale tutti i tesserati devono poter essere in grado di svolgere le proprie mansioni e quindi nel caso di Sarri “allenatore della prima squadra”.

Tecnicamente, De Laurentiis potrebbe anche degradarlo e tenerlo, pagandolo ovviamente, fino al termine del suo contratto in scadenza 30 giugno 2020, ma Sarri potrebbe a sua volta rescindere e firmare con il Chelsea. In quel caso si passerebbe allo step successivo, quello in cui il Napoli avrebbe tutto il diritto di ricorrere e molto probabilmente ottenere un indennizzo, molto inferiore però alla clausola da 8 milioni di euro che era prevista nel contratto di Sarri fino al 28 maggio, nel caso in cui ci fosse stata qualche squadra disposta a pagarla.

Il Chelsea però in quel periodo non era ancora pronto a pagare quegli 8 milioni, convinto che sarebbe riuscito a trovare un accordo con Antonio Conte per rescindere il contratto dell’ex juventino senza dovergli riconoscere la buonuscita da 20 milioni di euro. 

Accordo bonario che lo stesso Conte non ha mai preso in considerazione perché quei soldi li vuole tutti e senza alcuno sconto. Il club londinese dunque sarà destinato a pagare Conte da una parte e rischierebbe di pagare anche una multa per aver fatto firmare Sarri, un allenatore sotto contratto con un altro club.

Questo lo scenario più probabile eppure fin quando non verrà depositato il contratto di Ancelotti, e non è detto che questo verrà fatto il primo luglio stesso, Sarri e il Chelsea non potranno tecnicamente e ufficialmente accordarsi tra loro, a meno che ovviamente non si trovi un accordo tra le parti per sbrogliare una situazione diventata complicatissima.

Chiaro che De Laurentiis non abbia alcuna fretta e intanto continua a portare avanti il suo mercato sulle indicazioni fornite da Ancelotti. Il nuovo allenatore del Napoli ha chiamato anche Raul Albiol per convincerlo a restare. E così sarà. Lo spagnolo non solo non andrà via, ma rinnoverà il suo contratto fino al 2021 eliminando la clausola che in questi giorni alcune squadra come Villarreal, Betis e Siviglia avevano pensato di pagare.

Sul fronte portieri invece la svolta per Meret è arrivata con l’inserimento di Karnezis nella trattativa. All’Udinese potrebbero andare 22 milioni più 3 di bonus per il portiere classe ’97, più i 2,5 milioni di euro per il greco, che farebbe il dodicesimo. In totale un’operazione da 27,5 milioni per blindare la porta azzurra e ripartire da un tandem tutto nuovo dopo l’addio di Reina.