Notizie Partite
Serie A

Lazio-Milan, pagelle, migliori e peggiori: uragano Zaccagni, Calabria e Leao fantasmi

23:09 CET 24/01/23
Mattia Zaccagni Lazio Milan Serie A
Zaccagni e Milinkovic trascinano la Lazio nel poker al Milan. Calabria perde tutti i duelli, Leao e Giroud non pungono. Kalulu in confusione.
  • I MIGLIORI

    È una Lazio praticamente perfetta quella che domina all'Olimpico e si abbatte sul malcapitato Milan. Tra i singoli, spicca la prestazione di Mattia Zaccagni, una vera e propria spina nel fianco della difesa rossonera, mentre Milinkovic detta legge in mezzo al campo.

    Le due catene laterali funzionano perfettamente: Marusic gioca a tutto campo e da una parte annulla Leao mentre dall'altra propizia il goal del 2-0, così come Hysaj, una sorpresa nell'undici di partenza e tra le note liete della serata dell'Olimpico.

  • I PEGGIORI

    Difficile trovare una prestazione negativa nella Lazio, mentre fioccano le insufficienze in casa Milan. I peggiori sono senza dubbio Calabria e Leao, in totale confusione nei duelli con Zaccagni e Marusic.

    In difesa va totalmente in bambola Kalulu, che soffre la velocità e la tecnica di Felipe Anderson e fornisce una prova disastrosa. Male anche Giroud, che non calcia mai verso la porta di Provedel.

  • PAGELLE LAZIO

    PROVEDEL 6,5 - Chiamato in causa in paio di occasioni, risponde presente. Poi ordinaria amministrazione. Garantisca solidità e tranquillità alla retroguardia.

    MARUSIC 7,5 - Schierato a destra per contenere l'iniziativa di Leao, gioca un gara di grande applicazione a tutta fascia. Annulla il portoghese e Dest ed è decisivo anche nell'area di rigore avversaria con il palo che propizia il 2-0 di Zaccagni (78' LAZZARI 6 - Entra nel finale e si gode la passerella biancoceleste).

    CASALE 6,5 - Segue come un'ombra Giroud e Origi e non concede nulla. Pulito in fase di costruzione, si fa sempre trovare pronto.

    ROMAGNOLI 6,5 - Nella prima da ex contro i rossoneri, gioca una gara di grande intelligenza. Aiuta Cataldi nella costruzione e guida il reparto in quella che si rivela prestazione d'alto livello della retroguardia.

    HYSAJ 7 - La sorpresa in casa biancoceleste, viene preferito a Lazzari. Prova eccellente nelle due fasi: non concede praticamente nulla a Messias e Calabria e sostiene Zaccagni nella metà campo rossonera. Grande prestazione.

    MILINKOVIC-SAVIC 8 - Pronti via e va subito in goal con un sinistro che fulmina Tatarusanu sul primo palo. Un gigante in mezzo al campo, stravince il duello con Tonali. È utile anche in fase di copertura, oltre al solito grande lavoro in avanti. (83' BASIC sv).

    CATALDI 7 - Muove bene la palla e lotta come un leone nella parte nevralgica del campo. I cambi di gioco facilitano la manovra della Lazio, che sfrutta l'ampiezza per far male al Milan. In fase di non possesso fa da schermo e annulla le iniziative di Brahim Diaz.

    LUIS ALBERTO 7,5 - Il velo per il goal di Milinkovic è una giocata da 'mago'. La palla per Zaccagni nel recupero del primo tempo è di pregevole fattura. Si conferma in uno stato di forma incredibile con un'altra prova di livello nelle due fasi. Chiude i conti trasformando il rigore del 3-0. (87' MARCOS ANTONIO sv)

    PEDRO 7 - Parte largo e converge spesso verso il campo, creando non pochi problemi alla difesa del Milan. Pressa a tutto campo e non si risparmia mai. Conquista il calcio di rigore del tris. (78' ROMERO 6 - Prova a partecipare alla festa con una conclusione non fortunata. Il solito grande impegno).

    FELIPE ANDERSON 7,5 - Il ruolo di falso nueve esalta le sue doti tecniche e fisiche. Non dà punti di riferimento ai centrali rossoneri e apre gli spazi ai compagni, come in occasione delle prime due reti. Serve la palla del rigore procurato a Pedro e mette la ciliegina sulla torta ad una prestazione eccellente con la rete del poker.

    ZACCAGNI 8 - Un uragano che travolge il Milan. Salta sistematicamente Calabria. Prima sfiora un gran goal con una girata a volo sul cross di Milinkovic, poi va a segno con un tocco da pochi passi. Gara perfetta.

  • PAGELLE MILAN

    TATARUSANU 5 - Preso in contro tempo da Milinkovic nell'azione del vantaggio laziale, sbaglia completamente l'intervento in occasione del raddoppio. Felipe Anderson lo mette a sedere nel poker finale.

    CALABRIA 4 - Zaccagni lo manda completamente fuori giri. Nullo in fase di spinta, viene sistematicamente saltato dall'avversario in copertura. Un fantasma.

    KALULU 4 - Parte male lasciando scoperta la posizione, attirato da Felipe Anderson, in occasione dell'1-0. Il tridente biancoceleste lo manda in totale confusione. Sempre in ritardo, sbaglia l'intervento su Pedro e causa il calcio di rigore del momentaneo 3-0.

    TOMORI 5,5 - In avvio soffre l'intraprendenza e la vivacità di Pedro e Felipe Anderson. Lascia il campo per un risentimento muscolare (23' KJAER 5 - Entra quasi a freddo nel bel mezzo della 'tempesta'. Provvidenziale l'intervento nel finale di primo tempo su Zaccagni, poi affonda insieme ai compagni).

    DEST 5 - Ci prova con un paio di discese ma Marusic stravince il duello. Si fa beffare alle spalle dal montenegrino in occasione del raddoppio di Zaccagni.

    TONALI 5 - Perde completamente Milinkovic in occasione della rete dell'1-0. Non riesce mai a trovare la posizione in campo, con il serbo che stravince il duello in mezzo al campo.

    BENNACER 5,5 - Prova a dare geometrie e costruire trame di gioco, ma può poco nel trambusto rossonero. Sfiora il goal con una punizione in avvio di ripresa che termina di poco larga dopo la deviazione della barriera. Commette una grave ingenuità quando si fa ammonire: era diffidato e salterà la sfida contro il Sassuolo.

    MESSIAS 5 - Un solo strappo, poi più nulla. Inconcludente e mai realmente pericoloso. Aiuta poco anche in fase difensiva (59' SAELEMAEKERS 5,5 - Serve una bella palla a Leao, che il portoghese spreca da pochi passi. Poi sparisce).

    BRAHIM DIAZ 5 - In avvio di match prova a illuminare la manovra rossonera ma il solito gioco tra le linee viene neutralizzato da Cataldi, che si muove bene davanti la terza linea biancoceleste (59' DE KETELAERE 5 - Spaesato e mai nel vivo del gioco).

    LEAO 4,5 - Ancora una volta la controfigura di quello ammirato nei mesi scorsi. Non riesce praticamente mai a saltare l'uomo. Nella ripresa manda sul fondo un cross invitante di Saelemaekers da pochi passi (79' REBIC sv).
    GIROUD 4,5 - Spettatore non pagante, non vince nemmeno un duello con Casale e Romagnoli. È poco coinvolto nella manovra rossonera e non calcia mai verso la porta di Provedel (59' ORIGI 5 - Ci prova e cerca di dare una scossa in avanti ma non riesce a trovare l'effetto sperato).

  • PAGELLE LAZIO-MILAN

    LAZIO (4-3-3): Provedel 6; Marusic 7,5 (78' Lazzari 6), Casale 6,5, Romagnoli 6,5, Hysaj 7; Milinkovic-Savic 8 (83' Basic sv), Cataldi 7 (87' Marcos Antonio sv), Luis Alberto 7,5; Pedro 7 (78' Romero 6), Felipe Anderson 7,5, Zaccagni 8.

    MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu 5; Calabria 4, Kalulu 4, Tomori 5,5 (Kjaer 5), Dest 5; Tonali 5, Bennacer 5,5; Messias 5 (58' Saelemaekers 5,5), Brahim Diaz 5 (59' De Ketelaere 5), Leao 4,5 (79' Rebic sv); Giroud 4,5 (59' Origi 5).