Roma-Spezia 4-3: Pellegrini salva i suoi e Fonseca in extremis
Roma celebrating Spezia
Getty Images
La Roma va ad un passo da un altro psicodramma, ma grazie a Lorenzo Pellegrini strappa tre punti fondamentali contro lo Spezia.

La Roma ottiene il suo personale riscatto contro lo Spezia e consolida la terza posizione della classifica. Dopo due sconfitte consecutive, i giallorossi vincono con enormi difficoltà e proprio allo scadere, in un momento complicato sotto tutti i punti di vista.

Clima surreale all'Olimpico, non tanto per la mancanza di tifosi (ormai una consuetudine), quanto per l'aria da ultima chance che si respira tra il campo e la tribuna. Una Roma sperimentale sul terreno dell'Olimpico, con Dzeko, Pedro e compagnia bella in tribuna, tutti fuori per un motivo diverso. Fonseca è particolarmente teso, grida di più, cerca il contatto a voce con i suoi giocatori come mai fatto fino ad ora. In campo Borja Mayoral si riscatta dalla brutta prestazione in Coppa Italia e sblocca la partita, ma la squadra di casa non è serena e si capisce perfettamente dal rocambolesco goal del pareggio dello Spezia, segnato da Piccoli (che poi abbandonerà il campo per un problema alla coscia).

Il primo tempo finisce uno a uno, ma nella ripresa il match esplode. La Roma torna in campo con un altro piglio e realizza un uno-due che spezzerebbe le gambe a chiunque: prima la doppietta di Borja Mayoral con una grande giocata, poi la prima rete in Serie A di Karsdorp. Tutto fatto per i giallorossi? Macché, alto blackout e rete dello Spezia con Farias, che fa ammattire Kumbulla. La partita si riapre e negli ultimi venti minuti il risultato resta in bilico, con la Roma che spreca tantissime occasioni per mettere al sicuro la vittoria.

Daniele Verde, appena entrato in campo, si ripete incredibilmente dopo il goal in Coppa Italia e gela lo stadio Olimpico su un errore grossolano di Smalling. Un tre a tre che sembra inchiodare gruppo e staff tecnico, primo del goal allo scadere di Capitan Pellegrini. Succede tutto in un minuto, pareggio e goal del sorpasso definitivo. Tutta la panchina va ad abbracciare il centrocampista giallorosso, con in testa Fonseca. Anche per la felicità di un sorridente Dzeko in tribuna...

IL TABELLINO E LE PAGELLE

Roma-Spezia 4-3

Marcatori: 17' Mayoral, 24' Piccoli, 53' Mayoral, 55' Karsdorp, 59' Farias, 90' Verde, 91' Pellegrini

ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez 5; Ibanez 5.5, Smalling 5, Kumbulla 5; Karsdorp 6.5 (80' Bruno Peres 6.5), Veretout 5.5, Villar 5.5 (67' Cristante 6), Spinazzola 7.5; Pellegrini 7.5, Carles Perez 6 (89' Diawara s.v.); Borja Mayoral 7

SPEZIA (4-3-3): Provedel 6; Dell'Orco 5.5 (58' Bastoni 5.5), Terzi 5.5, Chabot 5 (80' Erlic s.v.), Marchizza 5.5; Estevez 5, Agoumé 5.5, Maggiore 5.5 (58' Acampora 5.5); Gyasi 5.5 (80' Verde 6.5), Piccoli 6.5 (30' Galabinov 6), Farias 7

Ammoniti: Chabot, Bruno Peres, Borja Mayoral, Pellegrini

Espulsi: -

Arbitro: Pairetto