Polonia-Portogallo 2-3: Piatek non basta, tris lusitano
Getty Images
Seconda vittoria su altrettante partite del girone per il Portogallo, che ha battuto per 3-2 la Polonia, ipotecando così la prima posizione.

Il Portogallo, dopo aver battuto l'Italia, batte anche per 3-2 la Polonia nel gruppo 3 della Lega A di UEFA Nations League e mette una seria ipoteca al primo posto nel girone.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Illusorio per i polacchi il goal di Piatek, successivamente sono arrivate le segnature di Andrè Silva, Bernardo Silva e l'autogoal di Glik. Ininfluente la segnatura di Blaszczykowski.

Campioni d'Europa in carica in campo con il 4-3-3, fase avanzata affidata a Bernardo Silva, Andrè Silva e Rafa Silva (assente Cristiano Ronaldo). Polonia che risponde con il 4-4-2, punte di diamante avanzate Lewandowski e Piatek.

Partita subito vivace ed equilibrata che viene sbloccata al 18' dal bomber del Genoa, che sul calcio d'angolo battuto dalla destra da Kurzawa salta sopra Cancelo ed insacca di testa.

Gli ospiti però reagiscono nel modo giusto e grazie alla loro maggiore qualità tecnica trovano il pari al 31' con l'ex Milan Andrè Silva, pronto a raccogliere in are di rigore un assist dalla fascia di destra di Pizzi.

Poco dopo ecco arrivare la rete del 2-1 con Rafa Silva, che approfittando di uno splendido lancio di Ruben Neves e dell'uscita tardiva di Fabianski, con uno stop a seguire in area di rigore, supera l'ex Arsenal e costringe Glik all'autogoal con un intervento in scivolata.

L'articolo prosegue qui sotto

Nel secondo tempo la partita si chiude virtualmente al 52' col sinistro di Bernardo Silva, calciato al termine di una bella azione personale partita dalla fascia destra, sul quale però Fabianski avrebbe potuto essere più reattivo.

Il commissario tecnico polacco corre ai ripari, inserendo al 63' Grosicki e dell'esperto Blaszczykowski. E sono proprio questi due che al 77' collezionano il goal del 2-3, con l'ex Borussia Dortmund (attualmente al Wolfsburg) che batte Rui Patricio con un bellissimo diagonale destro di controbalzo.

Non bastano però per arrivare al pareggio. L'ultima emozione prima del triplice fischio finale dell'arbitro spagnolo Del Cerro la regala Kedziora, che salva sulla linea una conclusione a botta sicura di Renato Sanches.

Commenti ()