Juventus-Napoli 2-0: Cristiano Ronaldo-Morata, la Supercoppa è bianconera
Juventus Napoli Supercoppa celebrating trophy
Getty Images
La Juventus conquista la nona Supercoppa Italiana della propria storia grazie a Ronaldo e Morata. Insigne calcia fuori il rigore del possibile 1-1.

Sì, okay, questa Juve è ancora alla ricerca di un’identità ben definita. Intanto, però, conquista il primo trofeo stagionale e, soprattutto, un’iniezione di fiducia per il prosieguo del cammino.

La Signora ottiene la sua nona Supercoppa Italiana, superando un Napoli apatico e angoscioso. E nel rigore fallito da Insigne, sostanzialmente, c’è l’intera (pessima) prova partenopea. Bastano CR7 e Morata. Basta, alle volte, il giusto approccio.

Pirlo lascia in panchina Morata, affidandosi a Kulusevski in tandem con Cristiano Ronaldo. Cuadrado, negativo al Covid, rientra subito da protagonista nella corsia destra di una difesa completata da Danilo e dal tandem Bonucci-Chiellini a protezione di Szczesny. In mediana Chiesa, Arthur e Bentancur e McKennie. Azzurri con Petagna, che ha smaltito il guaio al polpaccio e guida l'attacco di Gattuso supportato da Lozano, Zielinski e Insigne. Demme al fianco di Bakayoko a centrocampo, davanti a Ospina retroguardia con Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e Mario Rui.

A spuntarla nel primo tempo del Mapei Stadium, sostanzialmente, è il gelo. Atteggiamento conservativo per entrambe le squadre, con un unico guizzo – disinnescato sapientemente da Szczesny su Lozano – a risvegliare addetti ai lavori e giornalisti presenti a Reggio Emilia. Juve, rispetto a San Siro, meglio in termini di approccio e personalità. Napoli, invece, un po’ troppo codificato tra giocate ripetute sistematicamente, ma senza risultati particolarmente confortanti. Da segnalare, per Madama, una bella conclusione dalla distanza di Ronaldo.

All’intervallo, per un problema alla caviglia, Chiesa è costretto a lasciare la sfida. Al suo posto dentro Bernardeschi. Che, pronti via, non trova l’impatto con la rete. Appuntamento solo rinviato, per i campioni d'Italia in carica. Corner battuto da Bernardeschi, rimpallo nell’area azzurra, e Cristiano Ronaldo a punire inesorabilmente la difesa campana. Juve apparentemente in controllo, ma che deve fare i conti con un erroraccio, ingenuo, di McKennie: dal dischetto, più incredibile che raro per lui, Insigne la spedisce a lato. Ultimi squilli? Altro giro, altro miracolo di Szczesny. Poi, nel recupero, il subentrato Morata la chiude a tripla mandata.

IL TABELLINO

JUVENTUS-NAPOLI 2-0

MARCATORI: 64’ Cristiano Ronaldo, 95’ Morata

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny 7,5; Cuadrado 7,5, Bonucci 6,5, Chiellini 6,5, Danilo 5,5; Chiesa 5 (46' Bernardeschi 6,5), Arthur 7, Bentancur 7 (84' Rabiot sv), McKennie 5,5; Kulusevski 5,5 (84' Morata 7), C. Ronaldo 7.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina 6; Di Lorenzo 5,5, Manolas 5, Koulibaly 6, Mario Rui 6 (85' Llorente sv); Demme 6,5 (85' Politano 6), Bakayoko 5,5 (67' Elmas 5); Lozano 6,5, Zielinski 5, Insigne 5; Petagna 5 (72' Mertens 6).

Arbitro: Valeri

Ammoniti: Cristiano Ronaldo (J), Zielinski (N)

Espulsi: -