Juventus-Milan 3-1: Tris pesante, i bianconeri volano a +4
Getty Images
La Juventus supera l’ostacolo Milan a Torino e allungano in classifica sul Napoli portandosi a +4. All’Allianz Stadium finisce 3-1.

La base di partenza è una sola: il calcio è strano. Il Milan , profondendo personalità e qualità, sfoggia all'Allianz Stadium una prova solida e confortante, che tuttavia non sfocia in punti. Poi c'è Bonucci, da idolo a incubo. Poi c'è soprattutto la Juventus , che sfrutta il mezzo passo falso del Napoli e che verosimilmente compie un passo decisivo verso lo scudetto. Non una Vecchia Signora brillante, a tratti persino eccessivamente confusionaria. Ma dannatamente efficace. Così, solitamente, si vincono i titoli.

Allegri, in bilico alla vigilia tra il 4-3-3 e il 3-5-2, opta per quest'ultima soluzione. Gattuso, su base 4-3-3, in attacco preferisce André Silva a Cutrone. Già in avvio, premendo immediatamente sull'acceleratore, i padroni dimostrano di avere intenzioni serie. Prima Higuain a scaldare i guantoni dell'estremo difensore rossonero, dopo Dybala a sbloccare l'incontro con un mancino dei suoi.

La reazione degli ospiti, tuttavia, è istantanea: André Silva, di testa, a divorarsi una rete enorme su cross delizioso di Calhanoglu. Poi, di puro copione scontato, ci pensa Bonucci dagli sviluppi di un calcio d'angolo, con una zuccata, a regalare un grosso dispiacere alla sua vecchia tifoseria. Un sussulto che, a pochi minuti dal record di imbattibilità a tinte zebrate, assume una doppia valenza. Nella ripresa, in piena fiducia, il Milan sfiora subito il vantaggio, centrando la traversa con un destro violento di Calhanoglu.

Post lunga assenza per pubalgia, si rivede in campo Cuadrado. Ed è lo stesso colombiano a segnare un goal pesantissimo. Seguito da Khedira. E' scatto bianconero.

I GOAL

8' DYBALA 1-0  - Su appoggio agevole di Pjanic, la Joya di sinistro costruisce una conclusione che – tramite un rimbalzo beffardo – supera Donnarumma. 

28' BONUCCI 1-1 - Un grande classico. Il centrale viterbese, staccando imperiosamente tra Chiellini e Barzagli, punisce Buffon. Il tutto, andando a esultare sotto il settore ospiti.

79' CUADRADO 2-1 - Cross pregevole di Khedira, sfruttato magistralmente – via gioco aereo – dall'esterno colombiano. Il quale aiuta vivacemente la Signora a mettere le mani su un successo d'oro.

87' KHEDIRA 3-1 - Il metronomo tedesco, di destro e con semplicità, realizza la rete che chiude la partita a tripla mandata.

I MIGLIORI

JUVENTUS: CUADRADO

Dopo un lungo stop, rientra e decide una gara che in termini di scudetto potrebbe dire tutto. Recupero, specialmente in chiave Champions League, prezioso.

MILAN: BONUCCI

Meglio di così, a carattere personale, non sarebbe potuta andare. Trova una prodezza maestosa, che mette (apparentemente) a tacere un Allianz Stadium ostile.

I PEGGIORI

JUVENTUS: LICHTSTEINER

Né spinge né difende. Male anche negli appoggi più banali. Allegri, probabilmente poco soddisfatto dal piano gara, non gli concede il secondo tempo.

MILAN: BONAVENTURA

Rispetto agli altri rossoneri, non incide. Tanti movimenti a vuoto, spesso arruffone anche negli appoggi più semplici. Dall'alto della sua enorme classe, indubbiamente, può fare decisamente meglio.

Commenti ()