Bayer Leverkusen-Atletico Madrid 2-4: 'Colchoneros' verso i quarti di finale
Getty Images
Emozioni tra Bayer e Atletico: i Colchoneros (tutti gli avanti a segno) rischiano di essere ripresi per due volte, ma alla fine si impongono per 4-2.

Spettacolo allo stato puro tra Bayer Leverkusen ed Atletico Madrid, che danno vita ad un ottavo di finale entusiasmante e ricco di colpi di scena. I goal di Saul e Griezmann mettono in discesa la gara per i 'Colchoneros', che subiscono il ritorno dei padroni di casa con Bellarabi prima di ristabilire le distanze con Gameiro da calcio di rigore. L'autorete di Savic viene resa meno amara da Torres. Tra 15 giorni il ritorno in terra spagnola.

GODIN OUT - Schmidt sceglie il 4-2-3-1 per il Bayer Leverkusen. Di punta c'è El Chicharito Hernandez, con Bellarabi, Brandt e Haverts a suo supporto. Mediana formata da Kampl ed Aranguiz. In difesa, davanti a Leno, Henrichs (seguito dall'Inter) e Wendell sulle fasce, con Dragovic ed il partente Toprak al centro.

Simeone schiera la sua squadra con il classico 4-4-2, che vede di punta Griezmann e Gameiro, reduce dalla tripletta in campionato contro lo Sporting Gijon. A centrocampo Saul e Koke al centro, con Gabi e Carrasco sulle fasce. In difesa, davanti a Moya, Vrsaljko e Filipe Luis a spingere, Savic e Gimenez centrali. Godin è infortunato.

MAGIA SAUL - I primi minuti di gioco rivelano la volontà del Bayer Leverkusen di volersela giocare fino alla fine, nonostante ad essere favorito sia l'Atletico Madrid. Ma è solo un'impressione. O meglio, i 'Colchoneros' c'impiegano ben poco a cambiare l'inerzia della gara. Non a caso il primo tentativo porta la firma di Griezmann che, dopo un ottimo controllo di palla, chiama alla grande risposta Leno. Il vantaggio arriva poco con un'iniziativa di Saul che sgroppa per 30 metri per poi sorprendere Leno con un tocco morbido.

L'articolo prosegue qui sotto

SEMPRE GRIEZMANN - Le 'Aspirine' non fanno in tempo a riorganizzarsi, che subiscono il terrificante uno-due dell'Atletico. Gameiro orchestra un perfetto contropiede e serve a rimorchio Griezmann, che tira fuori dal cilindro una conclusione letale, con la palla che bacia la traversa prima di depositarsi in rete. I padroni di casa non ci stanno e provano a ridurre lo svantaggio con Kempl, che fa guadagnare applausi a Moya.

INGENUITA' DRAGOVIC -  La ripresa si apre con la prima frazione di gioco, rispetto alla quale però il Bayer dimostra molta più incisività. E così è Bellarabi a dare nuove speranze alla sua squadra: Henrichs guadagna il fondo sulla destra e mette dentro dove trova la voleè di destro del centrocampista che non lascia scampo a Moya. I padroni di casa non fanno in tempo a prendere coraggio che devono fare i conti con l'ingenuità di Dragovic che affossa Carrasco in area di rigore. Dal dischetto Gameiro riporta a distanza di sicurezza i suoi.

SENTENZA TORRES - Le emozioni non sono finite qui. L'Atletico Madrid tira i remi in barca, lasciando campo ai padroni di casa. Cresce la pressione del Bayer, agevolata anche dalla frittata di Moya, che respinge un cross addosso a Savic con la palla che entra in rete. Hernandes decide di entrare in partita ed è proprio lui a sfiorare l'incredibile pareggio con una conclusione che supera Moya ma non Felipe Luis, appostato sulla linea di porta. Goal mangiato, goal subito. Vrsaljko lascia partire un cross dalla destra che viene inzuccato da Torres per il 4-2 finale.

Commenti ()