Atletico Madrid-Bayer Leverkusen 0-0: 'Colchoneros' ai quarti di finale
Getty
L'Atletico Madrid si fa bastare la vittoria per 4-2 del BayArena per qualificarsi ai quarti di finale. Oblak inchioda il Bayer Leverkusen sullo 0-0.

Al Bayer Leverkusen non riesce l'impresa di ribaltare il 2-4 maturato all'andata, ma lascia la Champions League comunque a testa alta pareggiando per 0-0 sul campo dell'Atletico Madrid, più attento a non prenderle che a darle. Rispetto al match del BayArena Simeone e Korkut cambiano qualche pedina. Oblak ritrova il suo posto in porta, Thomas sostituisce Gabi a centrocampo, con Correa come partner di Griezmann. Nelle 'Aspirine' non ci sono Toprak e Aranguiz, rilevati da Jedvaj e Baumgartlinger. Volland approfitta dell'indisponibilità del giovanissimo Havertz.

La sconfitta subita in casa fa impone al Bayer Leverkusen di prendere sin da subito le redini della gara in mano per tentare la grande impresa. L'inizio è confortante, anche se l'Atletico Madrid dà l'impressione di non volersi scomodare troppo e limitarsi a non concedere spazi. L'offensiva tedesca con il passare dei minuti diminuisce, il che permette ai 'Colchoneros' di guadagnare metri. Ed i risultati non si fanno attendere, con Leno chiamato agli straordinari in diverse occasioni.

Con il passare dei minuti si fa sempre più dura per le 'Aspirine', che vedono sensibilmente diminuire le proprie speranze di proseguire il cammino in Europa. La squadra tedesca ci prova praticamente da ogni angolazione, ma deve fare i conti con un Oblak in serata di grazia. Il portierone dei 'Colchoneros' abbassa la saracinesca, confermandosi uno dei migliori estremi difensori in circolazione. Dopo 3' di recupero i padroni di casa possono festeggiare la qualificazione ai quarti.

I MIGLIORI

ATLETICO MADRID: OBLAK

Se l'Atletico Madrid chiude la partita a porta inviolata il merito è essenzialmente il suo, che para anche l'imparabile.

BAYER LEVERKUSEN: BELLARABI

Quando prende palla difficilmente i difensori avversari riescono a contenerlo. Agisce in una posizione di campo scomoda ed in due circostanze si vede anche privare della gioia del goal da Oblak.

I PEGGIORI

ATLETICO MADRID: GRIEZMANN

L'articolo prosegue qui sotto

Partita di sacrificio la sua, ma da un giocatore delle sue qualità ci si aspetta molto di più in fase offensiva. Non riesce mai ad impensierire Leno, rendendosi spesso prevedibile sia nelle giocate che nelle idee.

BAYER LEVERKUSEN: HERNANDEZ

Più o meno lo stesso discorso fatto per Griezmann, con l'aggravante che lui le occasioni per segnare ce le ha anche ma non riesce ad aprofittarne come dovrebbe. Con una maggior incisività forse il Bayer avrebbe avuto qualche chance in più quantomeno di impensierire l'Atletico Madrid.

Commenti ()