Ajax-Manchester United 0-2: Pogba e Mkhitaryan, festa Red Devils a Stoccolma
Henrikh Mkhitaryan Chris Smalling Paul Pogba Manchester United Europa League
Julian Finney
Il Manchester United si aggiudica l'Europa League battendo 2-0 l'Ajax. Sblocca Pogba nel primo tempo, raddoppia Mkhitaryan nella ripresa.

Il Manchester United batte l' Ajax nella finale di Stoccolma e si aggiudica l'Europa League, staccando anche il biglietto per la prossima Champions League. Terzo titolo stagionale per Josè Mourinho: i Red Devils mettono le mani sull'unico trofeo europeo che non avevano mai vinto.

Bosz lancia Traore nel tridente con il giovane gioiello Dolberg e Younes, fouri Kluivert. Schone in cabina di regia affiancato da Ziyech e Klaassen. Difesa a quattro composta da Veltman, Sanchez, De Ligt e Riedewald. Onana tra i pali. Mourinho risponde con l'altro baby fenomeno Rashford, supportato sugli esterni da Mata e Mkhitaryan. Confermato in blocco il centrocampo con Fellaini, Herrera e Pogba. Blind e Smalling i due centrali, Valencia e Darmian i terzini a protezione della porta di Romero.

Buon avvio di gara da parte dei Red Devils, che pressano alti nella metà campo avversaria costringendo subito i lancieri a difendersi. Il più cercato è Rashford, che prova a prendere spazio tra i due centrali avversari. Al 18' si sblocca il risultato sul rocambolesco goal di Pogba: Fellaini trova al limite dell'area il francese, che conclude a rete e trova la deviazione di Sanchez, la palla diventa imparabile per Onana e si insacca.

L'ex centrocampista della Juventus vince tutti i duelli con Klaassen: dopo il vantaggio la linea mediana di Mourinho si abbassa notevolmente chiudendo tutti i filtranti dei portatori di palla dell'Ajax. Al 24' Valencia si accentra e conclude centralmente, trovando però i pronti riflessi di Onana. Gli olandesi ci provano con una formidabile azione personale di Traorè, che semina avversari ma viene chiuso in area da Smalling. Pochi spazi anche per il gioiello Dolberg, costretto più a giocare di sponda con le spalle alla porta.

Ad inizio ripresa la squadra di Mourinho colpisce ancora, questa volta su calcio piazzato. Sugli sviluppi di un corner Smalling tocca per Mkhitaryan, che sotto porta devia di destro e batte ancora il portiere avversario. 

A questo punto i Diavoli Rossi chiudono ogni spazio: perfetta la linea difensiva impostata dallo Special One, ingabbiato il tridente dei lancieri. Prestazione timida e poco sciolta per i 'terribili ragazzi' di Bosz, vince invece la maturità dello United, che nel finale sfiora anche il tris con un contropiede del neo entrato Lingard, poi recuperato da uno strepitoso Sanchez. 

Il ritmo si abbassa notevolmente nei minuti finali ed il Manchester United ne approfitta: la squadra olandese si limita ad un giro palla poco incisivo, gli unici pericoli per la porta di Romero arrivano dalla distanza. Festeggia anche l'infortunato Ibrahimovic in tribuna, ennesimo titolo per Josè Mourinho.

I GOAL

18' POGBA 0-1 - Fellaini trova Pogba al limite dell'area, l'ex Juventus calcia potente e trova la decisiva deviazione di Sanchez, la traiettoria diventa imparabile per Onana.

48' MKHITARYAN 0-2 - Sugli sviluppi di un corner Smalling devia di testa in area, sotto porta il più lesto di tutti è l'esterno armeno, che allunga il destro in scivolata e beffa tutti per il raddoppio.

I MIGLIORI

AJAX: ZIYECH

Il più brillante dei suoi: centrocampista dinamico sempre bravo nell'uno contro uno, le uniche palle buone per l'Ajax nascono dalle sue giocate.

MANCHESTER UNITED: POGBA

Ha il merito di sbloccare il risultato con una buona dose di fortuna: annulla Klaassen a metà campo e risulta sempre vincente nei contrasti fisici. Decisivo nella fase finale di questa Europa League.

I PEGGIORI

AJAX: DOLBERG

L'articolo prosegue qui sotto

Era il più atteso in casa Ajax, ma il gioiellino danese delude le aspettative nell'appuntamento più importante. Ingabbiato tra i due centrali dello United, non riesce praticamente mai a trovare spazi.

MANCHESTER UNITED: MATA

E' il meno propositivo dei suoi in fase offensiva: poco brillante nell'uno contro uno, nella ripresa rischia anche il rosso per una bruttissima entrata a metà campo.

Commenti ()