Notizie Risultati Live
Calciomercato

Zenit, Kokorin firma un nuovo contratto: è appena uscito di prigione

11:36 CEST 19/09/19
Aleksandr Kokorin Zenit
Dopo l’uscita di prigione anticipata, lo Zenit mette nuovamente sotto contratto Aleksandr Kokorin. Manca solo l'ufficialità.

Il ritorno di Kokorin allo Zenit è ufficioso, in attesa dell'ufficialità vera e propria: dopo aver vinto il ricorso per i fattacci dell’anno scorso, l’attaccante russo torna in libertà e ritrova anche il suo posto nell’attacco della contraerea. Kokorin e Mamayev, all’epoca centrocampista del Krasnodar, erano stati condannati rispettivamente a 18 e 17 mesi di reclusione a seguito dell’aggressione all’interno di un bar ad un funzionario governativo.

Con DAZN segui 3 partite della Serie A TIM a giornata IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Yuri Padalko, agente di Aleksandr Kokorin, ha confermato la nuova chance data al suo assistito, contro ogni aspettativa.

"Sì è vero, abbiamo firmato un nuovo contratto con lo Zenit".

I due calciatori russi erano stati esclusi immediatamente dalla nazionale russa per via degli ingiuriosi accadimenti di quella notte, considerati comprensibilmente non ammissibili per due giocatori della selezione russa. La condanna alla reclusione, poi, ha comportato anche l’estromissione dalle rispettive squadre di club.

La possibilità di un loro ritorno al calcio giocato era già stata paventata negli scorsi mesi dalle dichiarazioni rilasciate da  Yuri Padalko.

Ora, però, è quasi tutto realtà, con lo Zenit che torna a dar fiducia ad uno dei talenti più cristallini della nazionale russa, che a 28 anni può avere ancora molto da dare. La seconda possibilità per Kokorin è arrivata, ora resta all’ex galeotto farsi perdonare da tutti i tifosi russi.