Zappacosta e il goal all'esordio: "Spero di non aver sognato..."

Davide Zappacosta Chelsea 2017
Getty Images
Davide Zappacosta torna a parlare del goal siglato all'esordio col Chelsea in Champions: "Spero di non risvegliarmi e rendermi conto di aver sognato".

Esordire in Champions League è il sogno di qualsiasi giocatore che inizia a svolgere questo mestiere: se poi alla prima partita arriva anche il goal, magari da cineteca, allora tutto inizia a prendere le sembianze di un sogno ad occhi aperti.

Davide Zappacosta è riuscito in tale impresa col Chelsea contro il Qarabag, anche se di sogno non vuole proprio sentir parlare come dichiarato ai microfoni de 'La Gazzetta dello Sport': "Spero di non dovermi risvegliare domani (ieri, ndr) e rendermi conto di aver sognato".

La sua vita è cambiata totalmente nel giro di un paio di settimane: "È stato tutto frenetico. Vivo tra centro tecnico e hotel. Sabato scorso abbiamo giocato a Leicester. Nel tempo libero, cerco casa. Sono arrivato in Inghilterra dopo le gare con la Nazionale e non ho avuto in pratica un attimo di libertà".

Le premesse per il futuro sono più che positive: "Dare e ottenere il massimo. È un momento cruciale per la mia carriera e voglio viverlo intensamente. Goal come quello al Qarabag capitano una volta nella vita. La quotidianità è un’'altra storia. Per dirla in gergo, palla lunga e pedalare". E di pedalare, soprattutto sulla fascia destra, sembra aver molta voglia.

Chiudi