VAR nel mirino, Cairo duro: "Tanto vale non averlo più"

Commenti()
Getty Images
Urbano Cairo amareggiato per il goal regolare annullato a Berenguer in Udinese-Torino: "Errore grave arrivato dopo mille spiegazioni sul VAR".

La quarta giornata del campionato 2018/19 sarà ricordata come una tra le più discusse dal punto di vista arbitrali: tanti gli errori commessi soprattutto in Inter-Parma e Udinese-Torino, dove il VAR è rimasto colpevole assente, in netta controtendenza rispetto allo scorso anno.

Segui Torino-Napoli in esclusiva in diretta streaming su DAZN

Se prima era consuetudine andare a rivedere l'azione incriminata allo schermo, ora sembra che i fischietti abbiano più consapevolezza delle loro azioni, 'snobbando' la tecnologia che invece avrebbe dato più di una mano a risolvere in maniera positiva gli episodi.

Tra questi anche il goal regolare annullato a Berenguer in Udinese-Torino: l'assistente alza la bandierina per segnalare una posizione di fuorigioco (che non c'è) dello spagnolo, con Valeri che fischia decretando l'annullamento e, di conseguenza, l'impossibilità per il VAR di entrare in azione.

Nel dopogara ci sono state le pesanti reazioni del ds granata Gianluca Petrachi e soprattutto del presidente Urbano Cairo che, come riportato da 'La Gazzetta dello Sport', ha utilizzato toni abbastanza duri: "Fin dall'inizio sono sempre stato a favore della VAR. L'ho sostenuta, l'ho difesa, ho accettato gli errori iniziali. Ma ora comincio ad avere dei dubbi. Se questo deve essere il modo in cui viene usata, tanto valeva non averla".

Nel mirino l'arbitro Valeri: "Quando hai un arbitro importante e internazionale come Valeri non puoi accettare che commetta un errore da dilettante. Fischiare un fuorigioco, peraltro inesistente, segnalato dal guardalinee senza aspettare la fine dell'azione è un errore grave che non può essere giustificato, perché impedisce il successivo utilizzo della VAR. Il goal di Berenguer era regolarissimo anche ad occhio nudo. Un errore simile poteva succedere alla prima giornata dello scorso campionato non dopo 42 partite di uso della VAR e mille riunioni e spiegazioni sulle procedure".

Berenguer fu sfortunato protagonista anche un anno fa alla prima giornata durante Bologna-Torino e, un caso simile, ci fu anche in Chievo-Inter con Valeri a dirigere l'incontro: "Lo scorso anno in Chievo-Inter, in una situazione simile, non tenne conto della segnalazione del guardalinee, fece proseguire il gioco e poi convalidò grazie alle immagini il goal segnato sul prosieguo dell'azione. Cos'è? Stavolta ha dimenticato come ci si comporta in quei casi?".

Cairo accenna anche a una proposta sull'utilizzo della tecnologia: "Io la allargherei a tutti gli episodi dubbi. Arrivo a dire che potrebbe essere concessa anche una chiamata a discrezione dei tecnici delle due squadre in casi che ritengono dubbi. Io pensavo che l'introduzione della VAR avrebbe reso il campionato più equilibrato e avrebbe garantito maggiormente quelle squadre piccole o medie spesso penalizzate in passato contro le grandi per quella che è stata definita dai media sudditanza psicologica".

Prossimo articolo:
Milan-Higuain ai saluti: Pipita nemmeno convocato per il Genoa
Prossimo articolo:
Calciomercato gennaio, notizie e trattative: Genoa, Facundo Ferreyra al posto di Piatek
Prossimo articolo:
Calciomercato Juventus, Cristiano Ronaldo vuole Marcelo: pressing sul brasiliano
Prossimo articolo:
DIRETTA: Napoli-Lazio LIVE - dove vederla in tv e streaming
Prossimo articolo:
Frosinone-Atalanta: formazioni ufficiali e dove vederla in tv e streaming
Chiudi