Tutto sul Rapid Vienna, avversario dell'Inter in Europa League: rosa e formazione

Commenti()
SK Rapid Wien
È il Rapid Vienna l'avversario dell'Inter nei sedicesimi di Europa League: tutto quello che c'è da sapere sugli austriaci, rosa e formazione.

Eliminata in maniera dolorosissima dai gironi di Champions League, l'Inter inizia una stagione nella stagione: l'avversario dei sedicesimi di finale di Europa League è il Rapid Vienna, formazione che porta buoni ricordi ai nerazzurri, vincenti contro gli austriaci durante la cavalcata vincente del 1990/91 (allora si trattava però di Coppa UEFA).

Guarda su DAZN oltre 100 match di Serie A e tutta la Serie B: attiva ora il tuo mese gratuito!

Un sorteggio tutto sommato accettabile, considerando che i nerazzurri hanno evitato avversari come il Fenerbahçe o lo Sporting. In difficoltà in campionato e poco rappresentativo a livello internazionale, il Rapid vanta come migliore risultato un paio di finali di Coppa delle Coppe, entrambe perse contro l'Everton (1984/85) e il Paris Saint-Germain (1995/96).

IN EUROPA LEAGUE

Il Rapid Vienna ha iniziato la propria scalata verso i sedicesimi di finale di Europa League dai preliminari: gli austriaci hanno avuto la meglio prima sullo Slovan Bratislava e poi sullo Steaua Bucarest, in entrambi i casi perdendo in trasferta ma vincendo nello stadio amico. La formazione di Kühbauer è stata quindi inserita in un raggruppamento comprendente anche Villarreal, Rangers e Spartak Mosca, conquistando la qualificazione all'ultima giornata grazie all'1-0 nello scontro diretto sugli scozzesi. Gli austriaci si sono quindi piazzati al secondo posto finale, con gli stessi punti del Villarreal, venendo penalizzati dagli scontri diretti sfavorevoli (0-5 al Madrigal, 0-0 all'Allianz Stadion) e finendo in seconda fascia.

IN CAMPIONATO

Nella Bundesliga austriaca le cose non vanno granché bene: il Rapid Vienna è appena decimo in classifica, con 20 punti conquistati in 18 giornate e ben 28 lunghezze di distanza dal Salisburgo capolista. Una situazione che, a inizio ottobre, ha indotto la dirigenza a esonerare il tecnico Goran Djuricin per affidare le redini della squadra a Dietmar Kühbauer. Sono invece 6 i punti di distacco dal sesto posto, l'ultimo che porta ai playoff per il titolo (con punti dimezzati), attualmente occupato dallo Sturm Graz. Il problema è che per il Rapid sembrano un Everest: domenica i viennesi sono stati massacrati dall'Austria nel derby, perdendo con un clamoroso 6-1.

RAPID VIENNA: COME GIOCA

Il punto praticamente fermo è la difesa a 4, quel che cambia semmai è l'interpretazione di centrocampo e attacco: il Rapid galleggia tra 4-1-4-1, 4-4-1-1 e 4-2-3-1, il modulo che Kühbauer ha iniziato a utilizzare con sempre maggiore frequenza. Nella rosa non c'è una vera e propria stella che spicchi sui compagni: in campionato nessuno ha fin qui segnato più di 3 reti, bottino ottenuto dagli attaccanti Alar e Murg e dal difensore Sonnleitner. Proprio Alar dovrebbe essere la punta centrale sulle cui spalle cadrà il compito di sfidare la difesa dell'Inter.

Rapid Vienna PS

Prossimo articolo:
Coppa del Re, nessuna eliminazione per il Barcellona: ricorso presentato in ritardo
Prossimo articolo:
Calciomercato Milan, è il giorno di Piatek: 40 milioni al Genoa
Prossimo articolo:
Calendario Serie A: dove vedere le partite su Sky e DAZN
Prossimo articolo:
Probabili Formazioni Serie A
Prossimo articolo:
Coppa Italia 2018/2019: calendario, tabellone, risultati e dove vederla in tv e streaming
Chiudi