Tevez attacca il calcio cinese: "Non colmeranno il gap nemmeno in 50 anni"

Commenti()
Carlos Tevez Shanghai Shenhua
Chandan Khanna
L'ex attaccante della Juventus, Tevez, parla della sua esperienza in Cina: "Non sono tecnicamente bravi, non colmano il gap nemmeno in 50 anni".

Approdato allo Shanghai Shenhua nel dicembre del 2016 per diventare la grande stella di un campionato che sta facendo di tutto per diventare sempre più competitivo, Carlos Tevez, a ormai quasi un anno dall’inizio della sua nuova avventura, non sembra ancora essere riuscito ad apprezzare appieno la realtà cinese.

A spingere l’Apache, che non sta vivendo un momento di grandissima forma (tanto da essere aspramente criticato dal suo allenatore e dai suoi tifosi) un ingaggio da 40 milioni di euro a stagione e la possibilità di diventare il giocatore più pagato del pianeta, a quanto pare però, nemmeno questa cifra esorbitante l’ha aiutato a farsi una buona idea dei suoi nuovi colleghi.

L’ex attaccante di Juventus e Boca Juniors, parlando a SFR, ha spiegato: “In Europa o in Sudamerica si inizia a giocare fin da piccoli, in Cina non è così, le cose vanno in maniera diversa”.

Secondo Tevez, nonostante i grandi investimenti e le tante stelle attirate a suon di milioni, il calcio cinese non è nemmeno lontanamente vicino a colmare il gap con quelli di Europa e Sudamerica: “Dal punto di vista tecnico qui non sono molto bravi, è un calcio diverso. Credo che non riusciranno a colmare la distanza nemmeno in 50 anni”. 

 

Chiudi