Stella del Cagliari e speranza azzurra: Barella vale 50 milioni

Commenti()
Straordinario contro il Milan, sotto gli occhio di Gregucci, Barella si candida a un ruolo da protagonista con la Nazionale e sul mercato.

Una partita come quella di ieri sera non sarà passata inosservata. Non solo perché si trattava del posticipo della domenica di Serie A, la partita storicamente e generalmente più vista da casa. Non solo perché davanti a lui c’era il Milan. E non solo perché Pirlo, il “Maestro”, a fine gara ha sentenziato che uno come lui non può rimanere a guardare in Nazionale. Deve essere titolare. Barella contro i rossoneri ha giocato una partita fantastica. Per qualità, per quantità, per mole di gioco, per numeri, per colpi di classe.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Basti pensare ai 12,01 chilometri percorsi durante la partita della Sardegna Arena secondo le statistiche di fine gara. E’ stato il giocatore che ha corso di più tra i ventotto in campo (cambi compresi) ed lo stesso giocatore, probabilmente l’unico tra questi, che è riuscito a tenere un ritmo altissimo abbinato ad una straordinaria qualità delle giocate per tutto l’arco del match. Chiaro che non si potesse evitare di parlare dell’idolo dei tifosi cagliaritani a fine partita.

Angelo Gregucci, spedito in Sardegna da Roberto Mancini a valutare i progressi dei giocatori in orbita Azzurra, e quindi tra questi anche Barella, ha preso nota e ragguagliato il CT sulle straordinarie condizioni fisiche del centrocampista del Cagliari, probabilmente il giocatore classe ’96 oggi più desiderato dalle big del calcio italiano ma non solo.

Ci sono le tre grandi. La Juventus che lo segue da tempo, il Milan di Gattuso, che ha svelato di averlo messo nella lista degli obiettivi la scorsa estate quando al comando della società cinese c’erano ancora Fassone e Mirabelli, ma anche l’Inter, probabilmente la destinazione preferita dal ragazzo, che non ha mai nascosto una simpatia per i colori nerazzurri sin da bambino.

A Giulini brillano gli occhi ogni volta che lo vede giocare con la maglia rossoblù. Gli vuole bene, lo ha visto crescere come uomo prima che come giocatore. Ed è pronto a valorizzare ancora di più il giocatore che ha definitivo un’opera d’arte per il suo Cagliari e per questo incedibile. Chiaro però che le leggi di mercato potrebbero indurlo a cambiare idea la prossima estate, soprattutto se dopo i tanti pour parler dei mesi scorsi, dovesse arrivare un club disposto ad offrire la cifra giusta.

L'articolo prosegue qui sotto

Dopo i 40 richiesti nei mesi di giugno, luglio e agosto a chiunque si fosse affacciato alla porta dei sardi, Napoli e Roma comprese attraverso il procuratore del giocatore Alessandro Beltrami, oggi la sensazione è che ne servano almeno una decina in più per rendere la proposta quantomeno accattivante. 50 milioni per parlarne. Facile dunque che Giulini possa fare un altro incasso record, dopo i 27 milioni guadagnati dalla cessione di Nainggolan alla Roma.

Potrebbe però anche diventare un’asta di livello internazionale. Pochi sanno che alla fine del campionato scorso, il club più vicino alla stellina del Cagliari fu l’Atletico Madrid, che aveva portato avanti la trattativa in gran segreto. Non se ne fece nulla soltanto perché Giulini non aveva voglia di vendere il ragazzo, convinto che potesse crescere ancora, sia in campo che come valutazione economica. Ad oggi il rendimento del gioiello non gli sta dando torto.

Parlando con chiunque lo conosca a Cagliari, di Barella si sente solo dire un gran bene. Ragazzo pulito, umile, attaccatissimo alla città e ai suoi tifosi. Valori e principi nobili per fare di un calciatore forte un calciatore speciale, sia che in futuro rimanga a Cagliari, sia che, come prevedibile, possa un giorno fare il grande salto in una big. L’affetto della sua gente, per quanto sta dando oggi, resterebbe immutato.

Prossimo articolo:
PSG-Napoli: dove vederla in tv-streaming e probabili formazioni
Prossimo articolo:
Juventus, retroscena Bonucci: “In estate mi voleva il Manchester United”
Prossimo articolo:
Napoli all'esame PSG: Ancelotti sfida il miglior tridente d'Europa
Prossimo articolo:
Ufficiale: FIGC, Gravina eletto nuovo Presidente Federale
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Chiudi