Spalletti è pronto: "La Roma ha un doppio desiderio, vogliamo essere stelle"

Commenti()
Viglia di Roma-Lione, Spalletti suona la carica: "La qualificazione è a portata di mano, abbiamo il 60% di passare il turno".

Dentro o fuori, capitolo numero uno. Come si evolverà la storia annuale della Roma? Distante otto lunghezze dalla Juventus capolista in campionato, sconfitta nell'andata delle semifinali di Coppa Italia dai cugini della Lazio, i giallorossi sono pronti a sfidare il Lione dopo il 4-2 subito in Francia una settimana fa. Non si può sbagliare.

Una gara che dovrà essere perfettamente interpretata dalla Roma, perchè in caso di goal del Lione la questione quarti di finale si complicherebbe enormemente. Per i giallorossi migliore formazione possibile e voglia di mandare un messaggio: a due mesi dal termine dell'annata si può ancora avere tutto, con unità di intenti e attenzione maniacale.

"Gli esami di Bruno Peres sono negativi, vedremo in allenamento. Perotti ha avuto un risentimento, ma se c'è la conferma oggi sarà disponibile. Emerson deve stare benissimo, altrimenti non sarà convocato" ha esordito Spalletti nella conferenza stampa pre-match riguardo gli infortunati.

Come si batte il Lione? Evitando la gara del secondo tempo in terra francese: "Si affronta andando a valutare cosa è successo all'andata, si può prendere in considerazione quello che non siamo riusciti a scegliere a Lione. Dobbiamo ricordare le cose fatte male e lavorare per far sì che vadano fatto bene. Abbiamo un doppio desiderio, non vagheremo in giro per il campo".

La vittoria del Palermo ha immediatamente riportato fiducia ai giallorossi, ma secondo Spalletti questa non è mai mancata: "La Roma è maturata, ma non dobbiamo fare errori di valutazione. C'è un risultato importante all'andata che ci penalizza, dobbiamo vederlo con occhi giusti. Anche perdendo 1-0 avremmo dovuto fare due goal, la qualificazione è lì a portata di mano".

Contro il Lione, in tribuna, ci sarà anche patron Pallotta: "Ascolterò cosa avrà da dire, non ho nulla da dire ma solo da ascoltare. Io devo portare a casa risultati, spero sia soddisfatto. La priorità domani sarà difendere sulle loro verticalizzazioni rapide. Non dobbiamo perdere ordine ma rimanere sempre equilibrati".

"Sono estremamente convinto che la Roma mirerà a fare la partita, i miei giocatori diventeranno stelle durante la serata. Secondo me abbiamo il 60% di passare il turno. Dobbiamo giocare senza nessuna paura di subire goal, non dovremmo avere rimpianti". L'essenziale.

Chiudi