Notizie Risultati Live
Serie A

Spalletti avvisa l'Inter: "Dobbiamo dare continuità ai risultati"

15:12 CEST 21/09/18
Luciano Spalletti - Inter
Luciano Spalletti, dopo la bella vittoria in Champions League, chiede i tre punti alla sua Inter anche in campionato.

Dopo la bella vittoria ottenuta in rimonta al debutto in Champions League contro il Tottenham ora l'Inter deve ripetersi anche contro la Sampdoria, dato che in campionato il ritardo dalla Juventus capolista è già di 8 punti.

Segui Sampdoria-Inter in esclusiva in diretta streaming su DAZN

Luciano Spalletti apre la conferenza della vigilia con un monito alla squadra: "Se vinciamo queste gare qui ne usciamo tutti rafforzati e significa che i mezzi ci sono. Ho stima per il lavoro di Giampaolo, sta facendo vedere tutte le sue qualità di un calcio sempre propositivo.Vincere la gara di domani significherebbe molto di più rispetto al fatto di aver vinto le due partite di fila. Col Tottenham le cose migliori sono state il carattere e lo spirito, la squadra è rimasta in equilibrio giocando il proprio calcio. Ovviamente le facce dei ragazzi erano molto più serene rispetto a prima".

I punti persi per strada rappresentano ormai il passato: "Se pensiamo a come sono andate certe gare è chiaro che non siamo soddisfatti, anche se il lavoro settimanale è sempre stato serio e professionale. Sono quelle le cose importanti da fare sempre, ci sono delle regole per fare questo lavoro. Non abbiamo strutturato ancora una mentalità fortissima, questo abbassare il livello basta per avere dei risultati in grado di metterci in imbarazzo".

Icardi e il suo poco coinvolgimento: "La squadra deve considerare bene le sue qualità e acchiapparle per cercare di farlo esprimere al meglio. Per fare una partita da campioni ci vogliono 95 minuti di personalità, dentro la squadra e sempre vicino al pallone".

Sull'anticipazione dell'autobiografia di Totti (secondo il dirigente giallorosso, Spalletti avrebbe spinto per il suo addio alla Roma) : "Andrò a leggere il libro quando uscirà e casomai, dopo averlo letto, darò la mia risposta".

Perisic non al meglio: "Ivan secondo me non ha fatto male, sotto l'aspetto delle distanze e della velocità pura è stato uno dei migliori. Poi è chiaro che questo non ha avuto riscontro perché non si è trovato a gestire il pallone. Sono valutazioni che vanno fatte assieme a tutto il resto del gruppo. Cancelo e Rafinha? Lo ripeto: non si potevano acquistare, li abbiamo sostituiti in modo tale da prendere per buono quello che loro ci avevano lasciato".

Joao Mario potrebbe risultare importante: "Mi fa piacere che si sia espresso così, sa che può trovare quell'equilibrio per rendere al meglio. È uno che sa fare diverse cose. Skriniar? È stato saltato un paio di volte ma con quegli avversari succede, potrei riusarlo come terzino se dovessi averne bisogno".