Spagna in campo, ad Alicante pioggia di fischi su Piqué

Commenti()
Getty images
Ancora fischi per Gerard Piqué nel corso della sfida tra Spagna ed Albania. I tifosi della Roja non gli hanno perdonato le sue parole sulla Catalogna.

E’ un momento certamente particolare quello che sta vivendo Gerard Piqué. I giorni successivi al referendum che si è svolto in Catalogna, hanno concentrato su di lui le luci dei riflettori e questo perché il difensore del Barcellona non ha mai nascosto di essere indipendentista.

Una posizione la sua, ribadita anche nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta mercoledì scorso, nella quale però il difensore ha anche spiegato di essere orgoglioso di rappresentare la Nazionale spagnola.

Per tale motivo, in occasione della sfida che ad Alicante ha visto in campo Spagna ed Albania nel match di qualificazione a Russia 2018, il protagonista più atteso era lui e c’era grande curiosità nel capire quale trattamento gli avrebbero riservato i tifosi della Roja.

Piquè, che è stato contestato nel giorno dell’arrivo della squadra all’hotel di Alicante che ospita la Nazionale iberica, nel corso del riscaldamento che ha preceduto il fischio d’inizio (accompagnato dalle note di '¡Que viva España!’), non è stato particolarmente considerato dai tifosi, la musica è invece cambiata dopo l’avvio del match.

Al 2’, nel momento in cui Piquè ha toccato il suo primo pallone, dagli spalti dell’Estadio José Rico Perez è piovuta un’autentica bordata di fischi (cosa poi che si è ripetuta nel corso del match). Pochissimi invece i tifosi che hanno comunque deciso di applaudire il centrale del Barcellona.

Chiudi