Notizie Risultati
Serie A

Solo il Barcellona meglio del Cagliari: seconda in Europa per percentuale realizzativa

18:39 CET 11/12/19
Ragatzu Sassuolo Cagliari Serie A
La squadra di Maran crea, conclude e segna sbagliando poco: nei cinque maggiori tornei europei, rossoblù dietro solo ai catalani.

Un cammino incredibile che sta facendo sognare migliaia di tifosi in Sardegna, in Italia, in giro per il mondo. I fans si aspettavano tantissimo dal calciomercato estivo operato da Giulini, ma nessuno probabilmente si aspettava un Cagliari in lotta per la Champions. Invece, tutto vero. Come il dato che vede i rososblù secondi in Europa, dietro al Barcellona.

Con DAZN segui 3 partite della Serie A TIM a giornata IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

E' un Cagliari cinico, letale davanti alla porta. Con Joao Pedro, Nainggolan, Simeone, ma non solo, la squadra di Rolando Maran mette in rete un'ottimo numero di conclusioni, superiore a quasi tutte le squadre dei cinque maggiori campionati europei.

Sì, relativamente a questa statistica il Cagliari ha fatto meglio fin qui di Liverpool, Inter, Juventus, PSG, Real Madrid, Bayern Monaco e compagnia. 21% di percentuale realizzativa per il Barcellona di Valverde, che può contare su un'armata da mille e una notte in attacco, 18% per la truppa sarda.

Quarto in classifica alla pari con la Roma, il Cagliari avrà ora la prova del nove per lottare veramente in chiave europea: lunedì arriva alla Sardegna Arena la Lazio, reduce dalla vittoria contro la Juventus, unica squadra capace di superare la squadra di Sarri in quest'annata.

Ormai il Cagliari non è più una sorpresa e la consapevolezza della forza rossoblù ha raggiunto anche le big: per la Lazio sarà dura vincere nel capoluogo sardo, sopratutto davanti ad una squadra che quando tira in porta, sbaglia poco, grazie ad un Joao Pedro in stato di grazia e un Nainggolan deciso a ricordare all'Inter la sua forza.

Il 2019 si è rovesciato per il Cagliari, dal quartultimo posto, per diverse fasi di inizio anno, alla quarta posizione. Da tenere stretta con le unghie e con i denti nelle ultime due partite. Prima la conferma, poi la difesa di quanto fatto fin qui: l'anno del centenario può essere gloria totale.