Sedotto e abbandonato dall'Inter: adesso Pellegri piace alle big di mezza Europa

Commenti()
Social Media
La doppietta in Genoa-Lazio ha certificato l'esplosione di Pietro Pellegri: Inter ancora in corsa, ma occhio a Juventus, Milan e alle sirene estere.

Si sono già scatenati sui paragoni. C'è chi dice somigli a Luca Vialli, chi lo accosta invece al più attuale "Gallo" Belotti. Qualcuno dice sia un Gilardino con più fisico e allora qualcun'altro, probabilmente esagerando, tira ha tirato fuori un accostamento a Zlata Ibrahimovic. Niente male per uno che ha compiuto 16 anni soltanto lo scorso marzo.

Pietro Pellegri è stato il personaggio da copertina della quarta di campionato. Ha segnato la doppietta "più giovane" della storia della SerieA, superando il record di Silvio Piola datato 1931, dopo che già lo scorso campionato era stato il giocatore anagraficamente più piccolo ad aver fatto gol nel nostro campionato. Insomma, i requisiti del fuoriclasse, in tutti i sensi, ci sono tutti.

Viene seguito da un insegnante privato con cui porta avanti gli studi nel pomeriggio, ha la ragazza e pochi grilli per la testa. Per dirla alla Juric, ha voglia di arrivare e di spaccare il mondo e un cuore grande quanto la sua stazza, per questo ha pianto quando gli hanno fatto vedere suo papà in lacrime dopo il suo terzo gol tra i professionisti.

Pietro Pellegri ha la stoffa del campione, nessun dubbio, gli ingredienti del successo ci sono tutti. Motivo per cui già l'estate scorsa, le grandi del nord avevano provato ad accaparrarselo in largo anticipo. L' Inter su tutte è stata ad un passo dal metterlo sotto contratto. Per lui e Salcedo, altro talento delle giovanili del Genoa , avrebbe garantito una cifra che con i bonus avrebbe toccato i 60 milioni di euro. 10 o 15 milioni subito e la rimanenza in bonus, secondo il percorso di carriera fatto dai due ragazzi che sarebbero rimasti in rossoblù per altri due anni in prestito.

Poi però è saltato tutto per due problemi. Innanzitutto l'Inter voleva che nel discorso venisse inserito subito Ranocchia, da mandare a Genova in estate, per abbassare il tetto ingaggi e provare a prendere un altro centrale difensivo con caratteristiche più adatte al gioco di Spalletti. Il secondo motivo invece è di natura tecnica.

Pietro Pellegri Italy Under-16s

L'Inter avrebbe potuto far sottoscrivere a Pellegri, in quanto minorenne, un contratto massimo di 3 anni. Quindi lasciandolo poi due anni in prestito al Genoa, avrebbe iniziato la sua esperienza nerazzurra soltanto con un anno di contratto, non esattamente la migliore delle soluzioni per un ragazzo che sarebbe potuto costare decine di milioni di euro. Gli altri problemi del mercato estivo dell'Inter dunque hanno fatto propenderè Ausilio e Sabatini nel rimandare ogni discorso al prossimo anno.

Ed effettivamente l'Inter resta in corsa. Ci sarà però da superare la concorrenza che sta diventando sempre più agguerrita. Di certo la Juventus non sta a guardare. Ha ottimi rapporti con l'agente del giocatore Giuseppe Riso con cui è in contatto costante. Chiaro che la Juve sia fortemente interessata e anche il Milan , che aveva provato ad abbozzare il discorso, senza successo né troppa convinzione, a fine agosto. Sarebbe stata un'operazione troppo dispendiosa per i rossoneri che avevano già sborsato più di 200 milioni di euro per il mercato (pagabili negli anni).

Le prodezze di Pellegri hanno comunque fatto il giro del mondo. Il fatto che un ragazzino di 16 anni abbia segnato una doppietta in Serie A, di certo non ha lasciato indifferenti i grandi club europei. In Inghilterra Chelsea e Arsenal seguono con attenzione, ma non solo.

Preziosi si frega le mani e sapendo di avere un gioiello in casa, ha inserito Pellegri e Salcedo nelle percentuali di vendita del Genoa. Se il passaggio di consegne della società dovesse andare a buon fine, Preziosi darebbe una valutazione complessiva della società più alta. In caso contrario, avrebbe un assegno liquido in mano per poter ripianare i problemi economici del club e rilanciare il Genoa.

Chiudi