Notizie Risultati Live
Napoli

Sarri stizzito: "Insigne nervoso per il cambio? Vi inventate le cose"

07:23 CEST 26/10/17
Maurizio Sarri Napoli
Maurizio Sarri è apparso parecchio nervoso ai microfoni di 'Premium Sport', lasciando l'auricolare dopo una domanda sulla sostituzione di Insigne.

Il suo Napoli è in testa alla classifica della Serie A, vince e dà spettacolo, ma Maurizio Sarri continua ad avere qualche problema con il mondo dell'informazione e della comunicazione. Come se non bastasse il silenzio stampa continuo per quanto riguarda le conferenze stampa, anche davanti ai microfoni delle televisioni nel post-partita l'allenatore azzurro si presenta controvoglia. 

Dopo la vittoria di ieri contro il Genoa, infatti, Sarri è stato protagonista di un siparietto ai microfoni di 'Premium Sport'. Dallo studio arriva questa domanda: "È vero che Lorenzo Insigne era nervoso al momento della sostituzione?". 

Secca è arriva la risposta dell'allenatore: "Mah, mi ha dato il cinque ed ha pure strizzato l'occhio al suo compagno. Di storie inventate ne ho viste tante ma questa mi sembra un po' troppo. Lasciamo perdere". Poi si è tolto l'auricolare e stava per andare via stizzito, prima che si convincesse a restare ancora per l'ultima domanda dallo studio.

Lo "show" è continuato anche a 'Sky Sport', dove a Sarri è stata fatta questa domanda: "Cosa pensa del suo Sarrismo come una filosofia? Si sente ultraterreno?". Qui, stavolta con più ironia, è arrivata questa risposta: "Penso che mi state prendendo per il cu**".

Intanto, al netto delle interviste 'colorate' di Maurizio Sarri, il Napoli continua a volare come mai. Il successo a Marassi ha ulteriormente allungato la serie positiva degli azzurri: sono ora 22 le partite utili consecutive della squadra partenopea, l'ultimo ko resta lo 0-2 dall'Atalanta dello scorso 25 febbraio.

Nonostante questa serie di vittorie ed il primato in classifica, il Napoli è anche la squadra che in questa Serie A ha recuperato più punti da situazione di svantaggio, ben 12. Il che vuol dire che comunque molte volte la squadra ha bisogno di un ceffone prima di scatenarsi.