Sarri non ci sta: "Incontro con la Juventus? Notizia falsa, vedrò se far causa"

Commenti()
Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri nega ogni contatto con la Juventus: "Notizia totalmente falsa, valuterò se ci sono gli estremi per far causa".

Il Napoli affronta il Genoa in campionato e Maurizio Sarri vuole un ambiente totalmente concentrato sul campionato prima della super sfida di Champions League contro il Real Madrid.

Extra Time - Diletta Leotta incanta Sanremo

Intervistato in conferenza stampa, Sarri sottolinea ciò che serve per il salto di qualità: "I giocatori devono riuscire ad estraniarsi da tutto, non ci devono essere altri pensieri. Col Genoa è sempre difficile. Dobbiamo trasformare le prestazioni in punti, ci vuole rabbia e determinazione, dobbiamo crescere in mentalità. Vediamo se la crescita, essendo una squadra giovane, arriva".

Nessuna recriminazione, Sarri riconosce la superiorità della Juventus: "Non è pugilato, le vittorie ai punti non si prendono. Noi siamo esteticamente più godibili ma gli altri sono più bravi a prendere punti. La più forte è la prima in classifica. Domani pensiamo solo al Genoa. Avremo varie soluzioni: posso decidere di andare avanti così oppure cambiare ruolo a tutti i giocatori offensivi, ci sono ancora due allenamenti per decidere".

Il reparto difensivo soddisfa Sarri, che chiede però ulteriore attenzione: "La fase difensiva è buona, altrimenti non saremo la seconda squadra per meno tiri subiti. Ci si sono messe le assenze di Ghoulam, Koulibaly, un menisco per Chiriches e uno stiramento per Albiol. Prendiamo comunque già goal quando non concediamo, dobbiamo riuscire a limitare le occasioni da goal per gli avversari".

Il progetto Napoli è basato sui giovani: "Non migliorano in un giorno, servono mesi. Io sento l'obbligo di farli crescere, chiaro che piacerebbe a tutti vincere subito, ma è anche bello vedere certi giocatori migliorare. Il mercato del Napoli è stato palese in questo senso. Se il calcio italiano è ridotto così è anche colpa vostra, avete sorvolato su tanti aspetti".

Alcune precisazioni sui singoli in vista dei prossimi impegni: "Pavoletti è in crescita, è forte fisicamente e ha bisogno di più tempo. Avrebbe bisogno di minuti in campo, ma non possiamo concedere spazio a chi non è ancora al top. Simeone? E' un giovane con caratteristiche importanti, uno dei più promettenti".

Il tecnico toscano smentisce categoricamente l'accostamento alla Juventus: "Un giornale dice addirittura che ho incontrato i bianconeri, ma io parlerò con l'avvocato per capire se ci sono gli estremi per fargli causa. E' una notizia totalmente falsa".

 

Chiudi