Sampdoria-Milan, le pagelle: male Rafael, Cutrone decisivo

Commenti()
Getty Images
Nel Milan brillano Cutrone, entrato nei supplementari, e Reina. Nella Sampdoria imprecisi Caprari, Quagliarella e Kownacki. Male Rafael.

SAMPDORIA


Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

RAFAEL 4.5 - Nel corso della partita non è particolarmente impegnato, ma su entrambi i goal ha delle colpe. Sul secondo, in particolare, esce male e dà tutto il tempo possibile a Cutrone.

SALA 5.5 - Da uno con la sua facilità di corsa si ci aspetta di più in fase offensiva, invece resta quasi sempre bloccato sulla linea difensiva per non lasciare campo a Paquetà e Calhanoglu.

TONELLI 5 - Oggi la coppia difensiva che tanto ha fatto bene in questa stagione non funziona. Sia lui che Andersen sono posizionati male in entrambi i goal di Cutrone.

ANDERSEN 5 - Il giovane danese, al pari di Tonelli, non riescono proprio a prendere le misure a Cutrone. Sul secondo goal del rossonero, Andersen è fuori di posizione e lascia il corridoio sguarnito.

MURRU 6 - Partita ordinata dell'ex terzino del Cagliari, che soffre soltanto una discesa di Conti, quella che purtroppo per lui porta al goal del Milan.

EKDAL 6 - Davanti alla difesa continua ad essere adattato, ma lo svedese riesce a dare il giusto apporto in quantità e qualità. Spesso e volentieri si limita però al compitino.

PRAET 5.5 - Si vede poco a ridosso dell'area del Milan, si limita a fare legna a centrocampo, ma da uno come lui è lecito aspettarsi molto di più.

LINETTY 5.5 - Si fa male ed è costretto a lasciare il campo dopo 20 minuti, ma fino a quel momento non aveva brillato, soprattutto in fase di impostazione. (dal 21' JANKTO 5.5 - In linea con il resto del centrocampo della Sampdoria, anche la prestazione dell'ex Udinese è sottotono, pochi inserimenti e posizione bloccata).

RAMIREZ 5 - Si muove in lungo e largo sul fronte offensivo, è puntuale anche in alcune occasioni che lo vedono protagonista in area, ma oggi la precisione e la qualità non fanno parte del suo bagaglio. (dal 77' SAPONARA 6 - Sicuramente migliore rispetto a Ramirez, cerca di portare qualità nell'attacco blucerchiato e ci riesce a sprazzi).

QUAGLIARELLA 6 - Gara nella media per il bomber della Sampdoria, che in campionato ci ha abituato a ben altre prestazioni. Esce nei supplementari per un problema alla coscia. (dal 95' KOWNACKI 5.5 - Riesce spesso ad avere sempre il pallone al posto giusto, ma spreca clamorosamente una chance che poteva cambiare la partita a favore della Sampdoria).

CAPRARI 6 - La sua complicità con Quagliarella è sempre più affinata, ma oggi il suo destro non riesce proprio ad essere preciso davanti a Pepe Reina. Qualche buona occasione, ma sempre sciupata. (dal 92' DEFREL 5 - Praticamente invisibile per tutti i supplementari, forse le voci di mercato che lo vogliono lontano da Genova hanno il loro peso).


MILAN


REINA 7 - L'ex portiere del Napoli si prende una bella rivincita dopo tante panchine. Chiude la porta a tutti gli attacchi della Sampdoria, salva con un miracolo soprattutto su Ekdal.

ABATE 5.5  - In fase difensiva rischia poco o nulla, anche perché gli attacchi della Sampdoria sono soprattutto per vie centrali, ma non sale mai in attacco, nonostante la sua fascia sia lasciata spesso libera dagli avversari. (dal 99' CONTI 6.5 - I tifosi del Milan lo aspettano da tempo e oggi si è capito perché. Sostituisce Abate e gli basta un cross fatto bene per portare il Milan in vantaggio, ovviamente grazie all'ausilio di Cutrone).

ZAPATA 6 - Partita senza troppi patemi per il colombiano, così come per il suo compagno di reparto. Viene saltato qualche volta da Caprari, ma regge bene l'urto soprattutto sui piazzati.

ROMAGNOLI 6 - Una partita ordinata, che non costringe il capitano del Milan a chissà quali interventi difensivi. Come sempre, fa il suo.

RODRIGUEZ 5.5 - Non supporta mai Calhanoglu e Paquetà nell'azione offensiva, si limita spesso al passaggio corto, semplice. In difesa però non si fa sorprendere.

KESSIÉ 5.5 - Ha fatto sicuramente partite migliori l'ex centrocampista dell'Atalanta. Tuttavia non fa mancare mai il suo apporto in entrambe le fasi, anche se pecca in qualità e precisione.

BAKAYOKO 6 - Ormai è una certezza per Gattuso. Davanti alla difesa magari non ruba l'occhio, ma forma una vera e propria diga davanti alla difesa.

PAQUETÀ 6 - Comincia la partita con qualche guizzo importante, poi si perde e scompare dal vivo del gioco. Il primo impatto con il calcio italiano non è certo indimenticabile, anche se ci sono tutt le scusanti del caso. Nella ripresa si fa vedere con un mancino pericoloso da fuori area. (dal 85' BORINI 5 - L'ex Sunderland non si vede quasi mai, pensa più a difendere che ad attaccare, cosa sicuramente strana per un attaccante come lui).

CASTILLEJO 6.5 - Sicuramente il più attivo tra tutti gli uomini offensivi del Milan, fino all'ingresso di Cutrone. L'unico a saltare l'uomo con una certa facilità, ma sotto porta si dimostra ancora una volto poco cinico. (dal 90' CUTRONE 7.5 - Risolve la partita praticamente da solo, con una doppietta da vero bomber d'area di rigore. Prima un colpo di testa da rapace, poi un colpo di classe con il pallone liftato).

HIGUAIN 5.5 - Ancora spento, il Pipita si muove tanto ma non trova tanti palloni giocabili nella sua partita complicata. Nel primo tempo ha una ghiotta chance di fronte a Rafael, ma la sciupa. (dal 112' LAXALT S.V. )

CALHANOGLU 5 - La sua prestazione è in linea con quelle di tutto la sua stagione fino ad ora. Non riesce a dare qualità, prova a tirare quando può da fuori area ma il pallone è sempre impreciso.

Prossimo articolo:
Sampdoria-Udinese: numeri e curiosità
Prossimo articolo:
Sassuolo-Cagliari: numeri e curiosità
Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Calciomercato Juventus, Benatia ha un'offerta dall'Al Duhail: considerazioni in corso
Prossimo articolo:
Calciomercato Inter, Cedric Soares è il vero obiettivo per la difesa
Chiudi