News LIVE
Serie A

La Juventus punta sull'unità: "Stiamo vicini al gruppo"

10:14 CET 01/12/21
Juventus players
L'allenatore bianconero al termine del match con la Salernitana: "La Juve ci ha dato tanto, ora dobbiamo dare essere noi a darle qualcosa".

La Juventus torna a vincere in Serie A e lo fa all'Arechi di Salerno contro la Salernitana di Colantuono, al termine di una partita comunque sofferta.

Due reti, uno di Paulo Dybala, l'altro di Alvaro Morata hanno regalato la gioia e i 3 punti ai bianconeri.

Intervenuto ai microfoni di DAZN, Massimiliano Allegri ha analizzato la sfida.

"Credo che i ragazzi questa sera hanno fatto una prestazione buona, soprattutto perché non è facile contro la Salernitana in questo campo. Questa sera potevamo far più goal: Chiellini ha ragione. La Juventus ci ha dato tanto e in questo momento dobbiamo essere noi a dar qualcosa alla Juventus".
"Questa sera abbiamo gestito bene la palla, ma dobbiamo migliorare sull'accelerazione quando la palla arriva tra le linee. Ai ragazzi ho detto 'ragazzi questa sera abbiamo un vecchio da sostenere, che è Chiellini', perché la squadra era giovincella. E quando è giovincella può subire delle pressioni: purtroppo in campionato siamo in ritardo perché abbiamo perso 11 punti nelle 4 famose partite".
"Fortunatamente abbiamo giocato 3 giorni dopo la gara con l'Atalanta. In questi momenti secondo me la cosa migliore è semplificare le cose: oggi gli ho parlato a livello mentale. Gli ho detto che qui siamo noi a dover dare qualcosa alla Juventus e ai suoi tifosi, vincendo. Se ho trovato una società diversa? Non è cambiato assolutamente niente. Le inchieste? Ha parlato il presidente, ha parlato John Elkann: noi dobbiamo fare il nostro lavoro in campo. Farlo nel miglior modo possibile. Quello che è successo nei 2 anni che non c'ero io non posso saperlo e non voglio saperlo. Sono tornato perché il presidente mi ha chiesto di far parte della Juventus e di un progetto di una squadra con meno esperienza di quella che ho lasciato. E' normale che possono esserci alti e bassi: dispiace perché con la qualità che abbiamo potevamo far meglio in quelle 4 partite. Però dovevo conoscere i giocatori, loro dovevano conoscere me".
"Se sento la mancanza di una figura di riferimento come Marotta? Ma no, la Juventus ha il presidente che è la figura di riferimento numero uno ed è molto presente. E' arrivato Arrivabene che è molto presente, è arrivato Cherubini che conosco da 30 anni. Cambiano le persone, ma il DNA della Juventus credo che debba rimanere lo stesso. Poi ci sono momenti dove vinci di più e dove vinci meno, ma è una cosa ciclica della vita che va accettata come una sfida: questa è una bellissima sfida che ho accettato sapendo delle difficoltà. Vincere tutti gli anni è impossibile, ma bisogna fare il massimo. Bisogna essere consapevoli che siamo in ritardo in campionato, ma avere la responsabilità di essere la Juventus e avere l'ambizione di ottenere il massimo".

Parole ribadite anche dal capitano bianconero Giorgio Chiellini, che in un momento complicato fa leva sul senso di unità e compattezza del gruppo.

“La Juventus ci ha dato tanto e ci sono momenti della vita in cui è ora di restituire. Questo è un momento come mai per stare vicini al club e tutti insieme ne verremo fuori: con serenità, equilibrio e amore per un club che ha dato tanto a tutti noi”.

Il capitano della Nazionale ha poi sottolineato l'importanza delle parole spese da Allegri nel prepartita.

Ci sono momenti e momenti: le parole del mister di oggi mi hanno toccato particolarmente. Allegri ha usato le parole giuste per farci capire il momento e quello che bisogna fare: in questo momento più che mai serve senso di responsabilità.
Non bisogna fare niente di straordinario, servono le cose normali, ma con consapevolezza del momento. Con grande rispetto e umiltà perché nella posizione in cui siamo non possiamo fare altrimenti