Roma, Spalletti si sfoga: "Non abbiamo remato tutti dalla stessa parte"

Commenti()
Dopo l'addio alla Roma, Luciano Spalletti parla così in conferenza stampa: "Lascio una squadra seria, che fa ben sperare per il prossimo anno".

In mattinata la Roma ha annunciato la separazione con Luciano Spalletti, al termine di una stagione complicata ma comunque fruttuosa, visto il secondo posto raggiunto in campionato e la qualificazione diretta in Champions League. Oggi l'allenatore toscano ha voluto parlare in conferenza.

Queste le sue parole in apertura, parlando di Monchi che lo ha salutato al suo fianco in conferenza: "Per me è un peccato non poter continuare a lavorare con il nuovo direttore sportivo. Ha una personalità forte e spiccata, importantissima alla Roma visto che adesso anche Totti ha salutato. Riuscirà a compattare l'ambiente".

Poi Spalletti si concentra sulla sua avventura finita alla Roma: "Lascio una squadra sicuramente forte, merito di tutti quelli che hanno lavorato al mio fianco in questo periodo. Non voglio dare voti, tocca a voi questo. Voglio solo dire che ho lavorato in maniera profonda e seria solo per il bene della Roma. Ho il mio metodo, ma ho agito sempre per il bene comune".

"I risultati sono arrivati, anche se non sempre tutto è andato per il verso giusto. Per questo la migliore fotografia che lascio è la serietà della squadra ed il lavoro che fanno sul campo, ingredienti fondamentali per la prossima stagione".

PS Spalletti

L'ormai ex allenatore della Roma poi si sfoga anche un po': "Secondo me potevamo fare qualcosa in più a livello di risultati, in tutti i sensi, ma non abbiamo remato tutti dalla stessa parte. Lo abbiamo dimostrato anche domenica".

"I fischi rivolti a me li ho sentiti, ma non me li merito. Sia per come sono come persona, sia per come lavoro. Si è voluto anteporre a tutto una guerra interna tra me e Francesco Totti, che non esiste. Il mio auspicio per il futuro è che bisogna fare qualcosa di differente, soprattutto adesso che mancherà un carattere forte come quello del Capitano".

Spalletti parla così proprio del rapporto con il numero 10: "Io e Totti continueremo ad essere persone che si rispettano in tutto e per tutto. Andremo anche a cena fuori, io con lui ho avuto sempre parole corrette e giuste. Abbiamo stima reciproca, nonostante certe decisioni che per prima cosa sono pesate proprio a me. Totti non l'ho fatto smettere io, anzi, grazie a me ha giocato un anno in più ne sono sicuro. A lui piacerà il nuovo ruolo ed un giorno diventeremo amici strettissimi e ricorderemo questa storia.

"Secondo me non ho sbagliato niente, ma questa situazione di divisione che si è venuta a creare mi disturba. A me i fischi di domenica non mi sono piaciuti, anzi, mi hanno fatto male perché non me li merito".

Continua parallelamente anche lo sfogo: "Io faccio le cose per il bene della squadra e le ho fatto così anche alla Roma. Seguo la mia strada sempre e mi fido del mio metodo, non mi faccio condizionare da alcune persone che mi danno consigli ed invece vogliono fare il male. Potete dirmi tutto ma non sono scorretto".

"In Italia la Juventus ha meritato il titolo, non ha permesso a nessuno di avvicinarsi. Abbiamo sbagliato in altre occasioni che ci potevano portare a vincere qualcosa, abbiamo perso delle partite fondamentali come contro il Lione in Europa League e come contro i nostri cugini in Coppa Italia. Non so perché".

Infine, battuta finale sul futuro della Roma: "Spero che il prossimo allenatore dei giallorossi sia uno tra Montella e Di Francesco, perché conoscono l'ambiente alla perfezione e lo ricordano con molto affetto. Io all'Inter? Da adesso parlerò di calcio con chiunque mi voglia contattare per questo. Poi vedremo, ma mi sento di citare un poeta romano (Califano ndr): non escludo il ritorno".

Prossimo articolo:
Dramma Emiliano Sala, riprese le ricerche dell'aereo
Prossimo articolo:
Tottenham-Chelsea: probabili formazioni e dove vederla in tv e streaming
Prossimo articolo:
Dove vedere PSG-Strasburgo in tv e streaming
Prossimo articolo:
Calciomercato Milan, Bergwijn e Groeneveld obiettivi per la fascia
Prossimo articolo:
Dove vedere Siviglia-Barcellona in tv e streaming
Chiudi