Roma, Spalletti consiglia Totti: “Dovrebbe fare il vice presidente”

Commenti()
Luciano Spalletti parla anche del suo futuro in casa Roma: "Faremo un meeting di chiusura e chiarirò la mia posizione il prima possibile".

La Roma chiude il suo campionato al secondo posto tra mille emozioni: la rete decisiva di Perotti al 90' ed il commovente addio di Francesco Totti, Luciano Spalletti riepiloga il tutto al termine della partita vinta contro il Genoa.

Intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport', Spalletti dà un consiglio a capitan Totti: "Una cosa incredibile: stavano piangendo tutti, era impossibile non venire trasportato da e in questa emozione generale. Se Francesco decidesse di smettere, come penso abbia deciso di fare, sarebbe una perdita da colmare: ottavo re di Roma è poco, è più un imperatore. Merita di avere un ruolo importante in questa società. Ci ho parlato, per quello che è l’organigramma di questa società dovrebbe fare il vicepresidente, come fanno altri grandi in altre società. Penso si sia convinto di fare un altro ruolo e di mettersi a disposizione per qualcosa di importante in questa società. Lo merita".

La gestione del numero 10 romano è stata complicata per Spalletti: "Lui è l’asse trainante di questa squadra, della società, della storia del club e di conseguenza bisogna passare sempre da lì. Dovevo stare attento al dosaggio e probabilmente a volte sono andato al di là, ma sempre per far cercare di crescere la squadra soprattutto nella testa, di poter agire anche senza lui. In futuro immancabilmente dovrà essere così. Qualche volta ho sbagliato ad usarlo, ma qualche volta questo esaltarlo può pesare anche a lui".

Il tecnico sottolinea l'importanza del secondo posto ottenuto: "Quando si arriva a queste partite l'attenzione è importante e lo sappiamo, nonostante fossimo stati allertati perché nella nostra storia c’è stato qualche episodio che ha lasciato l'amaro in bocca... Ma abbiamo trovato un Genoa in grandissima salute. Con tanti giovani che volevano dimostrare di essere competitivi per l’anno prossimo. L’allenatore anche è stato molto partecipe dalla panchina e ci hanno creato dei problemi importanti. E' stata una grande emozione, Totti meritava questa festa, il secondo posto è la ciliegina sulla torta, un grande traguardo".

L'allenatore toscano pensa anche al proprio futuro ai microfoni di 'Mediaset Premium': "Faremo con la società un meeting di chiusura e dopo che ci saremo parlati chiarirò la mia posizione. Lo faremo il prima possibile, perché è giusto che si sappia. Rimpianti in questo anno e mezzo sulla panchina della Roma? Sono sempre stato abbastanza coerente: ritengo di avere allenato una squadra forte, che a volte ha avuto momenti di difficoltà, ma abbiamo sempre spinto sull’acceleratore".

Prossimo articolo:
Serie A, girone di ritorno: le partite trasmesse da DAZN
Prossimo articolo:
Coppa d'Asia 2019: calendario, risultati e dove vedere le gare in tv e streaming
Prossimo articolo:
Galaxy, Ibrahimovic si rilancia: "In 10 minuti ho mostrato al mondo cosa so fare"
Prossimo articolo:
DIRETTA: Genoa-Milan LIVE 0-0
Prossimo articolo:
Calcomercato Genoa, Perinetti: "Per Piatek mancano dei passaggi. Romero andrà alla Juventus"
Chiudi