Roma-Juventus, punte a confronto: Morata impalpabile, a Dzeko manca il goal

Commenti()
Edin Dzeko Alvaro Morata Roma Juventus Serie A
Getty
I due giocatori più attesi di oggi, per diverse ragioni, deludono le aspettative: Dzeko sciupa due occasioni, Morata ancora è un corpo estraneo.

Due giocatori, su tutti, erano oggi sotto la lente d'ingrandimento all'Olimpico: Edin Dzeko e Alvaro Morata . Le due prime punte, i due giocatori che in questa sessione di mercato hanno intrecciato il loro destino.

La Juventus voleva ed ha cercato Edin Dzeko, il bosniaco non si è liberato da Roma e alla fine la Vecchia Signora ha acquistato Alvaro Morata. Oggi si sono ritrovati faccia a faccia in campo.

La partita dell'Olimpico ha spiegato, ancora una volta, in modo chiarissimo il motivo del forte interesse della Juventus per Edin Dzeko. Il calciatore bosniaco, alla prima stagionale dopo la trattativa saltata con i bianconeri, si è messo il reparto offensivo sulle spalle ed ha guidato la sua squadra.

A Edin Dzeko però è mancato solo il goal, con un paio di occasioni sciupate non da lui, e questo ha influito pesantemente sulla partita non vinta dalla Roma.

In una delle due occasioni ha beccato il palo esterno, nell'altra ha tirato in bocca a Szczesny. Ma per il resto, ha fatto vedere di essere capace di fare reparto da solo e di poter rappresentare anche un rimpianto per la Juventus.

Controllo palla sempre impeccabile, sponde, inserimenti per allungare la squadra e presenza fisica in mezzo all'area di rigore per impegnare i difensori avversari, in modo da sfruttare gli inserimenti di Pedro e Mkhitaryan, che infatti rispetto alla partita contro il Verona hanno brillato.

L'articolo prosegue qui sotto

La prestazione di oggi potrebbe aumentare il rimpianto della Juventus, con Andrea Pirlo che già aveva ammesso questo sentimento in conferenza stampa . Soprattutto perché, dall'altra parte, Alvaro Morata ha oggi deluso le aspettative.

Lo spagnolo non ha effettuato nemmeno un tiro in porta, ha partecipato poco all'azione bianconera, toccando soltanto 25 palloni, meno di tutti i giocatori della Juventus partititi come titolari. In più ha perso anche otto possessi del pallone.

Sicuramente un esordio da dimenticare, comunque giustificabile visto che Pirlo lo ha mandato in campo senza aspettare, con un ambientamento fisiologico ancora da attendere. Il giudizio, per lui, è rimandato...

Chiudi