Rigore non dato: Rangnick in campo per mostrare il cellulare all'arbitro

Commenti()
Getty Images
Episodio clamoroso in Coppa di Germania: il direttore sportivo del Lipsia prova a mostrare all'arbitro il rigore negato.

C’è chi mette in dubbio la sua utilità e c’è chi sembra già non poterne fare più a meno. Il VAR comunque vada è sempre al centro di polemiche… anche quando non può essere utilizzato.

Chiedere per conferma al direttore sportivo del Lipsia, Ralf Rangnick, che nel corso della sfida che ha visto la sua squadra impegnata contro il Bayern in Coppa di Germania, ha deciso di utilizzare un VAR ‘fai da te’, dando vita ad una situazione che in Germania ha fatto molto discutere nelle ultime ore.

Nel corso del primo tempo della partita che si è giocata mercoledì sera alla Red Bull Arena, il direttore di gara Zwayer prima ha assegnato un rigore ai padroni di casa per fallo di Vidal su Forsberg poi, dopo essersi consultato con il guardialinee, ha deciso di tornare sui suoi passi e di assegnare una punizione dal limite.

Una scelta che ha mandato su tutte le furie Rangnick che, subito dopo il fischio che ha messo fine alla prima frazione di gioco, ha lasciato il suo posto in tribuna, è sceso in campo ed ha cercato l’arbitro per mostrargli le immagini del rigore non dato direttamente sul suo smartphone.

I giocatori del Bayern non hanno apprezzato la cosa e si sono frapposti tra il direttore di gara e Rangnick (poi espulso) formando un vero capannello. A quel punto gli animi si sono scaldati e ci sono voluti diversi minuti prima che la situazione si calmasse.

Quella tra Lipsia e Bayern (ad imporsi sono stati poi i bavaresi ai rigori) era una gara valida per i sedicesimi di finale della Coppa di Germania. Il VAR verrà utilizzato solo dai quarti di finale in poi.

Chiudi