Notizie Risultati Live
Calciomercato

Ricordate Bojan? Può tornare in Champions: Hoffenheim o Bruges

11:46 CEST 18/05/18
Bojan Krkic Deportivo Alaves
L'ex attaccante di Milan e Roma lascerà lo Stoke dopo la retrocessione: Hoffenheim e Bruges potrebbero riportarlo ai gironi di Champions.

Era il 2007 e già si parlava di lui come nuovo Messi. E all'epoca Messi era ben lontano dall'essere l'erede di Maradona, ma solo un giovane campione destinato a fare grandi cose. Se la Pulce ha superato le più rosee aspettative, Bojan Krkic è finito nel limbo dei calciatori che avrebbero potuto ma non hanno voluto, o potuto, essere fuoriclasse.

Ha appena 27 anni Krkic, ma nel lungo periodo della sua carriera non ha certo brillato: dopo aver lasciato il Barcellona nel 2011 ha militato nella Roma, nel Milan, nello Stoke City, nell'Ajax, nel Mainz e infine nell'Alaves, vincendo appena due trofei in terra olandese e passando costantemente da titolare a panchinaro.

Sotto contratto con lo Stoke, Bojan difficilmente giocherà ancora con i biancorossi in seguito alla retrocessione: su di lui c'è l'Hoffenheim, che potrebbe rilanciarlo in Champions League dopo anni di assenza, ma sopratutto il Bruges, anch'esso sicuro di giocare i gironi della massima competizione europea.

Un bel salto per Bojan, che negli ultimi anni ha lottato per la salvezza con Mainz, Alaves e Stoke, trovando gloria da titolare solamente con l'Ajax: non è più un ragazzino ma ha comunque ancora tempo per mostrare la sua tecnica che ai tempi del Barcellona lo resero capocannoniere all-time delle giovanili.

Nel corso degli anni è passato anche il treno Spagna, con l'ultima presenza ufficiale, di fatto unica, nel 2008: dopo un decennio non è da escludere un ritorno in caso di prossima stagione da incorniciare, comunque utopistico ora come ora, sopratutto considerando la mole di giocatori selezionabili da Lopetegui anche dopo il Mondiale russo.

A inizio decennio Bojan ha vestito le maglie di Roma e Milan, lasciando un buon ricordo sopratutto nella Capitale: rimane comunque un baby incompiuto, capace di segnare caterve di goal nella Masia, prima di perdersi tra i grandi.

Nonostante abbia vinto dieci trofei con il Barcellona di Messi è entrato di diritto nella lista degli incompiuti: un gran peccato.