News LIVE
Calciomercato

Donnarumma, dal retroscena Juventus a Raiola: "Via dal Milan? Non lo escludo"

14:14 CET 16/11/16
Gianluigi Donnarumma Italy
Nel 2012 la Juventus fu ad un passo da Donnarumma, ma l'affare saltò per motivi economici e per l'età ancora troppo giovane del portiere. Raiola: "Futuro? Nulla escluso".

Siamo nel 2012, la Juventus dopo averlo monitorato nel Club Napoli (società dove mosse i primi passi) decide di provare ad assicurarselo. Ma Gianluigi Donnarumma, in bianconero, non ci andò mai.

Romagnoli ko: 'ciao' derby?

Motivo? Questioni economiche e perchè ancora troppo giovane: Gigio aveva meno di 14 anni, non era tesserabile poichè questa è l'età minima in cui per un calciatore è consentito firmare con un club al di fuori della regione di residenza.

Il retroscena viene svelato dalla 'Gazzetta dello Sport', che spiega come il numero uno del Milan quell'estate di 4 anni fa si fosse recato addirittura a Vinovo per prendere confidenza col centro sportivo. Ma poi, l'affare saltò.

E allora strada spianata per le concorrenti: prima l'interesse dell'Inter, poi il cambio di procura e l'approdo al Diavolo. Dove Donnarumma è sotto contratto fino al 30 giugno 2018.

Due, come spiega 'Tuttosport', le piste percorribili dalla Juve: presentare una maxi-offerta ai rossoneri e far saltare il banco oppure sperare nel mancato accordo tra Raiola, estremo difensore e Diavolo per tentare il colpaccio a zero tra due stagioni.

Per ora nulla di concreto, ma le parole dell'agente riportate dal 'Corriere della Sera' aumentano i dubbi sul futuro al Milan del portierino partenopeo: "Non escludo nulla. Io non escludo nemmeno di diventare presidente della Repubblica, figuriamoci se escludo che lui se ne possa andare altrove".

"L’ho già detto - aggiunge Raiola - quel ragazzo è come un Modigliani, è insieme il Pelè e il Maradona dalla porta, ha un mercato infinito, mondiale, anzi universale". Vedremo.