Real pronto a far follie per Dybala, ma lui giura amore alla Juventus: "Rinnovo"

Commenti()
Getty Images
Paulo Dybala al termine di Juventus-Atalanta dribbla Real Madrid e Barcellona e spiega: "Sì al rinnovo, il mio procuratore arriverà a giorni".

Come nello scorso campionato, Paulo Dybala quando vede l'Atalanta si scatena. Altro goal ai nerazzurri per l'attaccante della Juventus, che col 3-2 dello Stadium si è assicurata il passaggio ai quarti di finale di Coppa Italia.

Extra Time - La sexy danza di Cristina Buccino

"Dopo Doha ho vissuto un momento delicato - le parole dell'argentino, intervistato da 'Rai Sport' - non avevo mai sbagliato un rigore con la Juventus. Però adesso va tutto meglio". Contro i bergamaschi Dybala ha giocato nel suo ruolo naturale, da seconda punta, ma l'ipotesi tridente è sempre viva nella mente di Allegri: "Come gioco ora è perfetto, perché il mister mi concede tanta libertà di svariare. E visto che tante squadre si chiudono, per avere la palla mi devo abbassare a prenderla".

Juventus-Atalanta 3-2, la cronaca

Su di lui, dicono, ci sono Barcellona e Real Madrid, pronte a fare follie per portarlo in Spagna. E soprattutto i Blancos sembrano intenzionati a 'sparare' alto per superare la concorrenza: 105 milioni di euro, secondo le ultime indiscrezioni provenienti dalla Spagna, sarebbe l'offerta che il Real avrebbe pronta da presentare alla Juve.

L'articolo prosegue qui sotto

Dybala, però, non sembra voler ascoltare le avances spagnole e pensa solo al rinnovo col club bianconero... "Ma queste offerte di cui si parla non ci sono. Di cosa devo parlare? Conta quello che decidiamo io e la Juventus, non gli altri", dice ancora Dybala.

A tal proposito, il rinnovo con la Juventus è vicino, con prolungamento fino al 2021 del contratto e adeguamento dell'ingaggio a 5,5 milioni di euro l'anno, mancano da definire solo dei dettagli quando l'agente del giocatore, Pierpaolo Triulzi, farà rientro in Italia... "Qui sto benissimo - ha detto ancora Dybla - Il mio procuratore arriverà in questi giorni (è atteso a Torino dopo il 20 gennaio, ndr). Non c'è nessun problema da parte mia, ora tocca al mio procuratore e alla società".

 

Chiudi