Raiola difende Kean: "Non si può essere italiani e razzisti"

Commenti()
Getty Images
Mino Raiola ha parlato dopo i fatti di Cagliari, difendendo Kean: "Nessuno può giustificare il razzismo, è ignoranza".

Come sempre accade dopo fatti di razzismo come quello che ha visto protagonista Kean a Cagliari, arrivano i pareri e le considerazioni di tutte le persone che in qualche modo possono c'entrare con la vicenda.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Ed infatti anche Mino Raiola , che di Moise Kean è il procuratore, ed in qualche modo anche il protettore visto i 19 anni del ragazzo, ci ha tenuto a dire la sua ai microfoni di 'AFP'

"Per me il razzismo e sinonimo di ignoranza. Nessuno può o dovrebbe giustificarlo. Sono fiero dei miei ragazzi e sono con loro fino alla fine. Io sono con Kean e Blaise Matuidi".

Ma non è stato solo Mino Raiola a schierarsi dalla parte di Kean. Sotto il post su Instagram dell'attaccante bianconero, come potete vedere, ci sono un mare di commenti di gente famosa nel mondo del calcio.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

The best way to respond to racism 🦍 #notoracism 🚫

Un post condiviso da K M B 9 🦍 (@moise_kean) in data:

Da Balotelli a Benatia, passando per Koulibaly (che a dicembre è stato vittima più o meno dello stesso caso). Tutti si sono schierati dalla parte di Kean.

Chiudi