Progetto remuntada: Roma quasi al completo contro il Lione, Spalletti va coi pretoriani

Commenti()
Getty
Solo Bruno Peres in dubbio per il ritorno contro il Lione, ma la Roma recupera Perotti: l'argentino giocherà dal 1', così come il rientrante Dzeko.

La Juventus ce l'ha fatta, com'era prevedibile dopo il 2-0 dell'andata: è ai quarti di finale di Champions League. E ora tocca alla Roma, per far sì che il contingente italiano nelle coppe non si riduca mestamente a una sola rappresentante dopo le recenti eliminazioni di Fiorentina e Napoli.

Roma, biglietti al 50% per gli abbonati 'Sky'

Il 4-2 dell'andata a favore del Lione non sembra promettere nulla di buono, ma la squadra di Spalletti ci proverà. Sospinta dal fattore casalingo, da un Olimpico che si spera essere - almeno per una volta - traboccante entusiasmo, dal pensiero di quanto fatto appena una settimana fa dal Barcellona, e in condizioni ancor più disperate.

E poi ci sono i corsi e ricorsi storici. Non tanto la rimonta subita nel 1997/98 contro l'Inter da un Lione che aveva addirittura vinto gara-1 in Italia, quanto le imprese già compiute dalla Roma nella propria storia. Come la leggendaria semifinale di Coppa Campioni 1984 contro il Dundee, quella giocata di pomeriggio e ribaltata con un secco 3-0 dopo il ko per 2-0 in Scozia. Poi i giallorossi persero in finale contro il Liverpool, ma questa è un'altra storia.

Roma PS

A sostenere ogni speranza c'è un'infermeria che ospita ormai solo un elemento oltre allo sfortunato Florenzi: Bruno Peres, vittima di un risentimento al flessore e per nulla certo di scendere in campo domani sera. Per il resto ci sono tutti: compreso Perotti, che ha recuperato dai guai muscolari che lo affliggevano e ieri ha svolto l'allenamento in gruppo.

Senza l'ex granata Spalletti dovrebbe affidarsi alla difesa a 4, con Rüdiger terzino destro ed Emerson (favorito su Juan Jesus e Mario Rui) a giostrare sulla fascia opposta. Rientreranno in mezzo al campo De Rossi e Strootman, inizialmente in panchina a Palermo così come Dzeko, e giocherà lo stesso Perotti. Un 4-2-3-1 d'assalto per una Roma d'assalto.

Chiudi