Notizie Risultati Live
Serie A

Profilo - Edera, ecco chi è il gioiello del Torino che ha eliminato la Roma

21:46 CET 20/12/17
Simone Edera Roma Torino Coppa Italia
Dopo aver punito la Lazio in campionato, Edera ha fatto male anche alla Roma in Coppa Italia. Il Torino si coccola il suo nuovo gioiello.

Simone Edera è il giocatore del momento in casa Torino. Nella partita di Coppa Italia contro la Roma, il classe 1997 granata è stato decisivo per il passaggio del turno ai quarti di finale; l'undici dicembre scorso ha timbrato anche il suo primo goal in Serie A contro la Lazio, sempre allo stadio Olimpico, che evidentemente gli porta bene.

LA SUA STORIA

Simone Edera sta per diventare il pupillo dei tifosi granata ed il motivo è presto detto. Lasciando per un momento da parte i goal e le doti tecniche, il giovane esterno è nato proprio a Torino ed ha questa maglia addosso dal 2004, quando aveva appena 7 anni.

Ha percorso tutte le categorie giovanili, prima di farsi notare da tutti con la Primavera, con la quale ha vinto un campionato ed una Supercoppa. La scorsa stagione il Torino lo ha mandato in prestito a farsi le ossa in Serie C, dove si è diviso l'annata tra Parma e Venezia. Sotto la gestione di Pippo Inzaghi ha raggiunto la qualificazione in Serie B e vinto la Coppa Italia di categoria.

Quest'anno il ritorno alla base, dove Sinisa Mihajlovic lo ha adocchiato fin dal ritiro estivo. L'allenatore serbo ha bloccato la sua cessione prima dell'inizio della stagione, capendo di poter puntare sulle sue qualità, quasi uniche all'interno della rosa. A poco a poco lo ha cominciato ad utilizzare, fino a raccoglierne i frutti nelle ultime due settimane.

SCOUTING REPORT

Simone Edera è il classico esterno offensivo mancino. Se utilizzato sulla fascia destra, sfrutta la parte interna del campo, per poter utilizzare il suo piede preferito; se impiegato sulla fascia opposta cerca sempre il fondo per poter mettere in mezzo palloni insidiosi.

A prima vista la cosa che spicca in lui è il pregevole tocco di palla e l'innata qualità. Tanto per far capire le caratteristiche ed il tipo di calciatore, ricorda molto nelle movenze e nel ruolo Federico Bernardeschi. 

Ha firmato il suo primo goal in Serie A contro la Lazio, giocando in tutta la stagione un totale di appena 70 minuti, quindi nemmeno una partita intera. In Coppa Italia ha timbrato il cartellino alla prima da titolare, contribuendo ad eliminare la Roma direttamente allo stadio Olimpico. Il futuro sembra poter essere suo.

IL FUTURO

Il Torino non ha nessuna intenzione di cederlo adesso, anche se tutte le grandi squadre italiane, soprattutto il Napoli, lo hanno cominciato a visionare. Quindi al momento la parola "futuro" è da ricondurre solo alla maglia granata.

Per Sinisa Mihajlovic non è ancora un titolare a tutti gli effetti, visto che il giovane Edera deve lottarsi un posto con gente come Iago Falque, Ljajic, Niang e Berenguer. Proprio riguardo ai compagni, il classe 1997 ha parlato così dopo il goal alla Lazio: "Guardo con grande attenzione i movimenti di Iago Falque in allenamento, per me lui è un punto di riferimento. Belotti mi è venuto a parlare, mi ha detto di restare con i piedi per terra e di rimanere tranquillo".

Adesso c'è da scomettere sul suo talento: Mihajlovic continuerà ad utilizzarlo sempre con più frequenza se le sue prestazione resteranno all'altezza. Le occasioni per sbocciare definitivamente non mancheranno, visto che il Torino è destinato ad un campionato tranquillo ed ha passato il turno anche in Coppa Italia.